#Volley. A Barcellona la pallavolo va a scuola

barcellona_volley_scuola1_siciliansDa questa stagione a Barcellona Pozzo di Gotto il volley va a scuola. Con i progetti Sport&Scuola, Primary Sport e Fiaba Motoria indirizzati alla scuola secondaria, primaria e dell’infanzia finalmente la pallavolo avrà un ruolo importante nell’offerta formativa riservata agli alunni di Barcellona e del comprensorio. Sono ben tre gli Istituti Comprensivi della del Longano che hanno aderito all’idea di far diventare lo sport uno strumento fondamentale nella formazione dei bambini. I.C Capuana I.C. Militi I.C. Foscolo Ci hanno aperto le porte delle loro classi e ci daranno, durante l’anno scolastico, la possibilità di far conoscere la pallavolo a oltre 2000 alunni da 3 ai 13 anni.

barcellona_volley_scuola2_sicilians“A distanza di molti anni riusciamo a tornare a scuola -sono le parole del presidente della Polisportiva Barcellona ’95 Antonio Campo. Nelle ultime stagioni abbiamo concentrato le nostre attenzioni, le risorse, il tempo su altri settori trascurando il mondo scolastico. Oggi, con un pizzico di orgoglio, posso dire che, grazie

all’impegno e la disponibilità dei dirigenti scolastici, la scuola può e deve diventare un elemento cardine della nostra associazione sportiva”.

“Una bella scommessa da vincere – esordisce Peppe Venuto coordinatore tecnico dei progetti scolastici– la scuola ci ha aperto le porte e adesso tocca a noi sfruttare al meglio questa importante opportunità. Da sempre – continua Venuto – cerchiamo di avvicinare i ragazzini alla palestra ed alle nostre attività sportive, adesso abbiamo la possibilità di portare la pallavolo sui banchi di scuola dove i bambini e gli adolescenti trascorrono buona parte della loro giornata.

barcellona_volley_scuola3_siciliansPresentando i progetti nei vari plessi che ospitano le scuole ho trovato tanto entusiasmo e voglia di fare non solo fra i bambini ma anche fra maestre, insegnanti e dirigenti che vedono lo Sport come un importante strumento formativo tanto da inserirlo nell’attività curricolare. Per noi non sarà semplice, quello della scuola è un mondo quasi sconosciuto – conclude Venuto – ma le idee, la passione e le energie non ci mancano, cercheremo di sfruttare al meglio questa occasione di crescita non solo personale, non solo per l’associazione sportiva che rappresento, ma anche e soprattutto una crescita per l’intero movimento sportivo cittadino”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *