Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Scuolabus, Gioveni chiede il ripristino del servizio

Libero Gioveni, consigliere UDC III Quartiere

Da oltre 5 mesi le famiglie con figli alle elementari ed alle medie fanno i salti mortali per sopperire alla soppressione del servizio di scuolabus.

A denunciarlo in un’interrogazione inviata al commissario straordinario del Comune Luigi Croce, al Dirigente sei servizi scolastici Salvatore De Francesco ed al commissario straordinario dell’ATM Enrico Spicuzza il consigliere UDC del III Quartiere Libero Gioveni.

“Mancano ancora 3 mesi pieni alla fine dell’anno scolastico -scrive Gioveni- ma risultano sempre vive e pressanti le istanze di parecchi genitori degli alunni delle scuole elementari e medie che quest’anno sono stati totalmente scippati del prezioso servizio di scuolabus per i loro ragazzi.

Già all’inizio del corrente anno scolastico avevo a chiesto chiarimenti sul mancato avvio del servizio, comprendendone poi le difficoltà oggettive legate alla mancata approvazione del Bilancio Previsionale 2012 e alla situazione economica deficitaria del Comune di Messina che avrebbe comunque richiesto una compartecipazione da parte delle famiglie.

Adesso però non posso non reiterare la richiesta di far riprendere questa utilissima prestazione che ormai da diversi anni il Comune offre a numerose famiglie residenti nei villaggi a supporto del fondamentale diritto allo studio.

Nel solo territorio della III Circoscrizione, risulta certamente molto sentita l’assenza dei pulmini dell’ATM nella scuola elementare di via Primo Molino a Bordonaro, appartenente all’Istituto Comprensivo “Ettore Castronovo” e nella scuola “Giorgio La Pira” di Camaro”.

Nell’interrogazione, Gioveni sottolinea come permangano le difficoltà dei genitori privi di auto propria o i cui orari di lavoro non coincidono con quelli di entrata ed uscita dalla scuola dei loro figli e chiede a Croce, De Francesco e Spicuzza se intendano riavviare il servizio di scuolabus in molti istituti periferici per rendere più agevole per le famiglie il trasporto scolastico degli studenti.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.