Salvatore Quasimodo e la poesia civile nel mondo, Modica ospita il convegno AICL

RAGUSA. “Salvatore Quasimodo e la poesia civile nel mondo”. Questo il tema del convegno organizzato dall’AICL – Associazione internazionale dei Critici letterari per la prima volta a Modica, città natale del Premio Nobel, dal 29 aprile al 30 aprile 2022. Il Castello dei Conti, l’Auditorium Floridia, il Palazzo della Cultura e il Teatro Garibaldi con il celebre tondo dipinto da Piero Guccione ospiteranno le sessioni del convegno, che vedrà gli interventi di relatori provenienti da Stati Uniti d’America, Venezuela, Georgia, Austria, Francia, Romania, Portogallo, Spagna e Italia. Il tema del convegno assume un significato ancora più forte e attuale alla luce del drammatico momento storico che l’Occidente sta attraversando, sottolineando l’importanza della poesia per un comune sentire civile e rispettoso dei diritti umani dinanzi alla barbarie della guerra. Il convegno sarà inaugurato venerdì 29 aprile alle 10.30 nel Castello dei con i saluti istituzionali di Neria De Giovanni presidente del bureau internazionale dell’AICL, di Ignazio Abbate sindaco di Modica, di José Manuel Pereira Vega sindaco di Villafranca del Bierzo (Spagna), Comune che ha ospitato il convegno internazionale dell’AICL nel 2021, Vasilică Harpa sindaco di Târgu Neamț (Romania) e di Vato Andguladze, console generale della Georgia. All’inaugurazione seguirà la visita alla casa natale di Salvatore Quasimodo in via Posterla.

Modica congresso Quasimodo sicilians

724px">Alle 15.30 nell’auditorium Floridia a piazza Matteotti si terrà la prima sessione presieduta da Angel Basanta Folgueira, docente dell’ di Madrid e vicepresidente AICL. Previsti gli interventi di Manuel Frias Martins, presidente dell’Associazione critici portoghesi, Pierfranco Bruni, vicepresidente del Sindacato libero scrittori italiani, Antonio Maria Masia, presidente dell’UNAR – Unione delle associazioni regionali di Roma e del Lazio, Angel Manuel Morales Escudero, saggista spagnolo e segretario generale dell’AICL, Antonella Pagano, saggista e sociologa, Stefan Damian, docente all’ di Cluj-Napoca (Romania) e vicepresidente AICL e Valentina Piredda, saggista e critica d’arte di Salisburgo (Austria).

Sabato 30 alle 9.30 a Palazzo della Cultura si terrà la seconda sessione, presieduta da Stefan Damian. Interverranno Neria De Giovanni, Maria João Cantinho docente all’università di Lisbona (Portogallo), Sabino Caronia saggista, Corrado Monaca direttore strategico per la transizione ecologica dell’AICL e saggista, Francisco Morales Lomas docente all’università di Malaga, Silvano Trevisani giornalista culturale e Grazia Dormiente saggista e scrittrice.

La sessione conclusiva si terrà al Teatro Garibaldi sabato 30 alle 15.30 e sarà presieduta da Corrado Monaca. In programma gli interventi di Jean-Pierre Castellani docente emerito dell’Università di Tours, Flora Salveti docente e saggista, Angel Basanta Foulgueira, Antonio Mendoza saggista e traduttore venezuelano, Anna Santoliquido poetessa e presidente del Movimento Internazionale Donne e Poesia, Tudorel Radu saggista rumeno e Andrea Gulati, docente all’Università di Buffalo (USA). In conclusione, Neria De Giovanni ricorderà la figura di Gaetano Salveti, per tre decenni segretario generale dell’AICL.