Randagismo e maltrattamenti, a Palermo ci sarà un Garante per i diritti degli animali

PALERMO. Un Garante per i diritti degli animali per far fronte a tutti i problemi legati al randagismo e ai maltrattamenti ai danni degli amici a quattro zampe: adesso la figura potrà essere istituita con una specifica legge regionale. La conferma è arrivata ieri nel corso di un tavolo tecnico di confronto che si è svolto all’ARS promosso dalla senatrice M5S Loredana Russo, vicepresidente dell’intergruppo parlamentare per i diritti degli animali. Presenti i rappresentanti dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della DIA, dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale, oltre a veterinari e funzionari del dipartimento regionale delle Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico. A collaborare all’iniziativa Giovanni Giacobbe, consulente della Commissione parlamentare speciale sul fenomeno del randagismo in Sicilia. Presente all’incontro anche il vicepresidente della commissione stessa, il parlamentare ARS 5 Stelle Salvatore Siragusa, che ha fornito il proprio contributo sui contenuti della legge in esame.

“Siamo sempre più vicini a una legge regionale istitutiva del Garante – ha spiegato il deputato Siragusa – e abbiamo ricevuto rassicurazioni, da parte del presidente dell’ARS Gianfranco Micciché, per

quanto riguarda la possibilità di reperire, nella prossima legge di bilancio, le risorse per la copertura finanziaria. Abbiamo individuato oggi i  mezzi da utilizzare per fronteggiare l’emergenza randagismo e, più in generale, i maltrattamenti ai danni degli animali e riteniamo che quella del Garante sia una figura fondamentale e strategica per il coordinamento istituzionale di tutte le azioni collegate alla tematica. Emerge, ancora una volta, la necessità di fare sinergia e far collaborare tra loro tutti gli attori coinvolti e l’incontro di oggi -conclude il parlamentare grillino- è un ulteriore passo che va proprio in questa direzione”. “Mi ritengo soddisfatta dell’incontro -ha aggiunto la senatrice Russo- perché i risultati si ottengono solo grazie alla interlocuzione tra le varie  componenti preposte al contrasto dei fenomeni di maltrattamento: istituzioni, forze dell’ordine, ASP, associazioni animaliste e cittadini. La Sicilia ha bisogno di interventi urgenti e fattivi, che solo grazie al nuovo strumento normativo in via di approvazione e a nuove risorse umane, oltre che economiche, si possono garantire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *