Inchiesta “Sacco di Salina”: 84 assolti tra sindaci, tecnici comunali e membri delle forze dell’ordine

17. Il Tribunale di MessinaAveva suscitato scalpore l’inchiesta il «sacco di Salina» che aveva coinvolto 84 persone tra sindaci, ex sindaci, tecnici comunali, della Soprintendenza e liberi professionisti, rappresentanti delle forze dell’ordine e cittadini comuni. L’indagine prese il via da una denuncia. Gli imputati erano accusati a vario titolo di associazione a delinquere, abuso d’ufficio, falsità in atti pubblici, corruzione, peculato, turbativa di pubblici incanti, omessa denuncia da parte di ufficiale, rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio. Secondo l’accusa, avrebbero costituito un comitato d’affari che avrebbe gestito le amministrazioni pubbliche.  Nel corso dell’udienza di oggi andata in scena al Tribunale di Messina, il giudice Giuseppe Sidoti ha assolto tutti gli indagati. I comuni interessati dall’inchiesta erano Santa Marina Salina e Malfa. Numerosi gli indagati eccellenti, tra cui l’ex sindaco di Santa Maria Salina Massimo Lo Schiavo, il capo dell’ufficio tecnico dello stesso comune Giuseppe Caravaglio; Antonio Podetti,  Elena Caruso, Antonio Battaglini;

l’ex comandante della stazione dei carabinieri dell’isola Gimmi Stefani, il neo riconfermato sindaco di Santa Maria, Domenico Arabia; Maria Carmela Alì; Salvatore Grillo; Carmelo Rapisarda; Pietro Maria Aliello; Marina Bonanno; Gaetano Basile; Francesco Gullo; Teodoro Cataffo; Graziella Longo; Luisa Mantegazza; Luigi Pollone; Santina Gullo; Salvatore Follone; Rosanna Victoria Rimertz; Mario Primo Cavaleri; Mirella Vinci; Clara Follone; Francesco Stagno; Davide Osvaldo; Gaetano Sirna; Amelia Di Franco; Angelo Oliveri; Pietro Oliveri; Arturo Cappadonia; Carmelo Porcino; Pasquale Liberatore; Lucio Ziino; Massimo Cavallaro; Elio Benenati; Francesco Gendusa; Maria Letizia Molino; Gabriele Schifilliti; Gaetana La Greca; Caterina Giuffrè; Giorgio Giuffrè; Sabina Giuffrè; Antonino Famulari; Salvatore Caruso; Gianfranco Celi; Arturo Ciampi; Salvatore Perillo; Paola Barbaro;  Virgilio Ciampi; Giuliana Cafarella; Roberto Pirera; Martino Basile; Veronica Caccetta; Daniela Virgona; Mario Virgona; Santino Ofria; Carmelo Pinto Vraca; Antonino Sutera;  Salvatore Longhitano; Alessandro De Grazia; Annalisa Pellicanò; Roberto Campagna; Natale Jeni; Clelia Urzì Brancati; Italo Strani; Monica Bellantone; Sergio Fasulo; Christian D’Ambra; Enzo Cumbo; Sergio Zavone; Generosa La Rosa; Maria Volante; Domenico Paratore; Angela Morello; Biagio Alizzi; Lorenzo Cincotta; Antonino Vasquez; Massimo Taranto; Maria Concetta Siragusano, Antonino Cafarella; Ivan Davanzo; Francesco Bartolone; Gaetano Massimo Polisano.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.