Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

12 settembre 11.00 Camaro Superiore, vincolo storico o abbandono politico?

Il consigliere U.D.C. della Terza Circoscrizione, Alessandro Cacciotto, interviene su un paradosso tutto messinese legato ad una piccola contrada di Camaro Superiore che prende il nome di “Contrada Faraone”. Sostiene l’esponente centrista: “ Di paradossi e cose strane la nostra martoriata città è ormai largamente abituata. La contrada Faraone di Camaro Superiore si trova in un assoluto stato di abbandono! La strada è ampiamente dissestata con profonde crepe spesso chiuse dai residenti alla meno peggio”.

Si potrebbe a questo punto obiettare: Dove sta la novità dal momento che l’intera città sprofonda quotidianamente? Il consigliere Cacciotto evidenzia a questo punto il paradosso che avvolge la storia della contrada Faraone. “I residenti di contrada Faraone sono “obbligati” dal Dipartimento comunale competente ad attenersi, nei lavori di straordinaria manutenzione, come la completa ristrutturazione del proprio appartamento,al rispetto di determinati parametri, dal momento che la contrada ricade nel c.d. “vincolo storico”.

Ciò significa, continua l’esponente centrista, che ad esempio le giovani coppie che  acquistano un appartamento in contrada Faraone e che hanno il desiderio di una completa ristrutturazione, devono attenersi non soltanto a quelle che sono le disposizioni di legge comuni ma, hanno l’ulteriore dicta del “vincolo storico”!!!

Nulla di sconvolgente se non fosse che quegli stessi parametri e vincoli sono assolutamente disattesi da anni sia da parte delle ditte che hanno realizzato sottoservizi, sia dall’amministrazione comunale corrente e da quelle passate!!!

Le ditte infatti nel realizzare sottoservizi – continua Cacciotto – hanno distrutto la contrada non ripristinandola in modo conforme; l’amministrazione comunale si è praticamente disinteressata dell’arteria cittadina creando anche dei non trascurabili problemi sotto il profilo igienico – sanitario, dal momento che la presenza soprattutto di topi (che fuoriescono anche dalle crepe stradali) è ormai all’ordine del giorno.

Un autentico sberleffo dunque per i residenti e per una contrada che si trova proprio a ridosso dello svincolo di Messina Centro dichiara il consigliere U.D.C.

Sollecitato da alcuni residenti, nei mesi scorsi il consigliere Cacciotto aveva chiesto l’intervento urgente dell’Assessore alle Manutenzioni Pippo Isgrò il quale, aveva dato ampie rassicurazioni sulla risoluzione del problema ed in particolare su una sistemazione decorosa della contrada.

Tuttavia, afferma Cacciotto, quando ormai l’avvento del Commissario Straordinario Dott. Luigi Croce è per fortuna ormai prossimo, tutto è rimasto lettera morta e alla “fumosità” dell’Assessore Isgrò, impegnato ormai “spudoratamente” a portare avanti la sua personale campagna elettorale in vista delle prossime amministrative, si è sostituita sapientemente la concretezza dell’Ing. Costanzo del Dipartimento Strade che, recatosi sui luoghi, ha comunque garantito, almeno nel breve periodo, qualche piccolo lavoro tampone.

Il consigliere in quota U.D.C. spera nel nuovo Commissario Straordinario e nella possibilità che vengano reperite nuove risorse, al fine di programmare degli interventi volti a ridare nuovo lustro e decoro ad una contrada che di storico ha semplicemente il vincolo.

Infine, nella città dei segnalatori, delle inaugurazioni di rotatorie o in cui un assessore esulta anche per la scarifica e la bitumazione di una strada mentre le voragini e le vertenze lavoro non si contano più…è piuttosto facile vivere di “fumo” e “sconcertanti esaltazioni”.