Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Scatti anzianità bloccati, ATM risarcirà lavoratori

Un tabellone dell'ATM, simbolo di un'azienda allo sfascio
Un tabellone dell’ATM, simbolo di un’azienda allo sfascio

Agosto con buste paga più pesanti per i lavoratori ATM iscritti al sindacato OrSA. I dipendenti della società partecipata del Comune di Messina con l’assistenza dell’avvocato D’Orazio avevano infatti presentato ricorso contro un’erronea applicazione della Legge Brunetta (la n° 122 del 2010), che era stata istituita per bloccare gli scatti di anzianità e gli avanzamenti parametrali. Adesso i lavoratori hanno ottenuto una sentenza loro favorevole, il cui costo graverà interamente sulle casse della società partecipata. Prima di adire alle vie legali, il sindacato OrSA aveva più volte avvisato che questa normativa non era applicabile ai dipendenti dell’ATM. “Ma l’ormai proverbiale arroganza della dirigenza aziendale -dichiarano dal sindacato- che fa il paio con la preoccupante supponenza del competente assessorato comunale, hanno costretto i lavoratori a rivolgersi al Tribunale

del Lavoro, che si è pronunciato a loro favore. Ai primi ricorrenti è già stata versata una parte della somma dovuta (intorno ai 700 euro) nella busta paga di agosto.

Le somme da restituire ai lavoratori dell’ATM variano da 1800 a 2500 euro ciascuno -aggiunge l’OrSA- ma a carico delle casse aziendali gravano anche le spese legali che si sarebbero potute evitare con un sereno confronto sindacale, ormai assente nell’Azienda Trasporti. La singolare gestione delle relazioni sindacali imposta dalla dirigenza aziendale, che si confronta solo con le sigle che le sono gradite, costringerà inoltre il nostro sindacato a rivolgersi di nuovo alla magistratura per ottenere il rispetto dei diritti dei lavoratori. Oltre alle penalizzazioni salariali, i dipendenti della partecipata del Comune di Messina lamentano infatti gravi problemi di sicurezza dei mezzi pubblici con disfunzioni gravi. Primo fra tutti  -conclude la nota dell’OrSA- il cattivo funzionamento dei climatizzatori installati sui mezzi in piena stagione estiva, per non parlare dei turni di lavoro con straordinario imposto d’ufficio per assenza di personale”.