#Messina. La FP Cgil contro l’ASP 5 per comportamento antisindacale

Clara Crocè segretario generale FP Cgil Messina

Condotta antisindacale. E’ l’accusa mossa dalla FP Cgil nei confronti del direttore generale dell’ASP 5 di Messina Gaetano Sirna in merito all’assegnazione temporanea di alcuni dipendenti dell’Azienda Sanitaria negli ambulatori più periferici della provincia del Dipartimento, come San Teodoro e Canneto.

“Risulta -dichiarano il segretario generale della FP Cgil Clara Crocè e i responsabili di settore Carmelo Pagana e Nino Trino– che l’Azienda abbia ignorato diverse missive di contestazione degli ordini di servizio.

Questo comportamento produce uno stato di disagio nei lavoratori, ai quali ancora oggi non è stato revocato il provvedimento, ritenuto illegittimo e dannoso”.

Il sindacato

anche la poca chiarezza rispetto alla data di scadenza del trasferimento urgente e, soprattutto, se lo stesso sarà prorogato o meno”.

Stando così le cose, la FP Cgil minaccia un’azione legale nei confronti dell’ASP per “far cessare gli atti ritenuti illegittimi perché contrari al regolamento aziendale secondo cui tale mobilità di urgenza si possa attuare solo nel caso in cui l’Azienda debba soddisfare esigenze funzionali di servizio emerse in seguito ad eventi contingenti ed imprevedibili”.

Eventi che per i dirigenti sindacali non sono riscontrati. “Anzi -accusano- gli ordini di servizio contestati sembrerebbero servire soltanto a tamponare alcune problematiche relative alla pianta organica di questi ambulatori decentrati”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.