Gioveni: “Una notte bianca per dare senso all’isola pedonale”

foto 2 Libero Gioveni
Libero Gioveni, consigliere comunale UDC

Una notte bianca all’interno dell’isola pedonale prima del 30 settembre. A chiederlo al sindaco Renato Accorinti, agli assessori al Commercio, alla Mobilità e alla Cultura Patrizia Panarello, Gaetano Cacciola e Tonino Perna il consigliere comunale UDC Libero Gioveni.

“Dopo le recenti e aspre polemiche che hanno caratterizzato il ridimensionamento dell’area pedonale Cairoli da parte del Consiglio Comunale, cui ha fatto seguito l’istituzione di un’isola pedonale temporanea in via dei Mille fino al 30 settembre -scrive Gioveni- ritengo sia giunto il momento di dare un senso all’oggetto del contendere e

di rendere utile, viva e fruibile tutta l’area pedonalizzata”.

Rispolverando una proposta già presentata il 9 aprile scorso, l’esponente UDC dichiara che “è più che mai opportuno iniziare a pensare a delle iniziative che possano rappresentare, oltre che una forte attrattiva per i cittadini, anche un’importante occasione di ripresa economica e un segnale di speranza per i tanti commercianti che finora non hanno trovato quei benefici attesi.

Sarebbe importante quindi organizzare una notte bianca all’interno dell’isola pedonale, non escludendo le zone limitrofe, altrettanto ricche di negozi e di attività commerciali”.

Indispensabile secondo Gioveni coinvolgere oltre ai commercianti anche associazioni culturali e artisti di strada e provvedere a un trasporto pubblico efficiente che consenta di fare la spola tra le e il centro di Messina.

mm

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.