Carnevale Sicuro, maxi sequestro di giocattoli tra Messina e Provincia

Barcellona Guardia di Finanza SiciliansMESSINA. Negli ultimi giorni i finanzieri del Comando provinciale di Messina hanno sottoposto a sequestro 131.700 giocattoli di carnevale ed altri articoli privi dei requisiti minimi di sicurezza prescritti dal Codice del consumo, per un valore complessivo di oltre 35 mila euro. Nello specifico, i finanzieri del di Messina hanno sequestrato 125 mila maschere, costumi, palloncini e gadget non conformi ai requisiti di sicurezza, in quanto privi della marcatura CE, di idonea etichettatura, nonchè delle prescritte avvertenze e informazioni di sicurezza, soprattutto per quelli destinati ai bambini da 0 a 3 anni, essendo assente il simbolo del bambino con barra trasversale di colore rosso. Ancora, le confezioni risultavano prive delle prescritte informazioni in lingua italiana sulle caratteristiche,

dimensioni e componentistiche delle parti presenti, nonchè sulle modalità di utilizzo.
Le Fiamme gialle della Compagnia di Taormina, invece, hanno sequestrato 300 prodotti di carnevale privi dei prescritti requisiti di sicurezza. Analogamente, sulla fascia tirrenica, i Reparti dipendenti dal di Milazzo, nel corso dei mirati eseguiti, hanno riscontrato analoghe irregolarità, sempre in ordine all’assenza della marcatura CE e delle prescritte informazioni minime. Più in particolare, i finanzieri della Compagnia di Milazzo, della Tenenza di Capo d’Orlando, Barcellona, Patti, Sant’Agata di Militello e  Lipari hanno sequestrato oltre 6.400 prodotti, tra articoli di carnevale (costumi, mascherine, lacche colorate per cappelli, bombolette di schiuma a spray, coriandoli, cappelli et similia), prodotti per la cura della persona, nonchè articoli di cancelleria e utensili per la cucina. Trattasi di prodotti non a norma e, pertanto, dannosi per la salute degli utilizzatori.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.