Anziani e disabili sequestrati in casa, muffa e infiltrazioni nelle Case IACP di Zafferia

degradoIACPZafferia 1 siciliansMESSINA. Una lotta inascoltata da 15 anni, quella delle 60 famiglie che vivono nelle Case IACP di Zafferia. Case assegnate nel 2007, dopo un anno presentavano già problemi di muffa e umidità perché costruite su una falda acquifera.

Le richieste di intervento all' Autonomo Case Popolari sono rimaste inascoltate nonostante la gravità della situazione che, come attestano numerosi certificati medici, ha generato diverse patologie polmonari, alcune delle quali anche gravi.

A difendere le 150 persone che vivono nelle tre palazzine di Zafferia (ne era prevista anche una quarta che non fu costruita proprio a causa dei problemi presentati dalle infiltrazioni di acqua nel terreno) solo l'Unione Inquilini di Messina.

Questa mattina la conferenza stampa a Palazzo Zanca per ricordare alla città che, ancora una volta, ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B le cui richieste sono inascoltate da oltre 10 anni. Tra l'altro, ad aggravare la situazione degli anziani e dei c'è anche la mancanza degli ascensori, che non erano previsti nel progetto. Un'assenza che, di fatto, sequestra i più fragili in casa.

Durante la conferenza stampa di stamane Ivan Calì, del direttivo dell'Unione Inquilini Messina, è stato chiaro: “La situazione è insostenibile. Se non si trova una soluzione rapidamente passeremo a eclatanti azioni di lotta e protesta”.

mm

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.