Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Uniti per Messina contro la TARES: “Politica dei rifiuti inefficace”

Foto Dino Sturiale

Una tassa, la TARES, che rappresenta la logica conclusione di una politica comunale della gestione dei rifiuti inefficace.

Questo il giudizio espresso dal Tavolo “Uniti per Messina”, nell’incontro tenutosi oggi, dove si è discusso della tassa sulla gestione dei rifiuti, considerata inoltre “esorbitante e insopportabile per la cittadinanza, così come insopportabile è il tasso di evasione, fenomeno che va combattuto da subito”.

Sottolineata dalle organizzazioni sindacali e datoriali aderenti, anche l’impreparazione del servizio comunale competente nei primi 10 giorni di applicazione del nuovo regolamento TARES.

“Alla domanda sul perché nessuno avesse ritirato i rifiuti che erano stati intanto raccolti dalle aziende -hanno evidenziato diversi operatori- è stato risposto che l’adesione delle attività economiche che hanno inviato il fax di adesione al servizio di raccolta della differenziata ’porta porta’ aveva uno scopo solo statistico al fine di comprendere quali e quante fossero le utenze interessate a tal servizio. Si sono, insomma, vanificati gli sforzi delle attività e calpestato il diritto ad ottenere la riduzione del tributo ottenute con il nuovo regolamento TARES”.

Il Tavolo Uniti per Messina ha istituito un gruppo di lavoro coordinato da Benny Bonaffini, componente la Giunta di Confesercenti,  con il compito di approfondire gli elementi del sistema rifiuti del Comune che hanno generato il baratro economico

e l’importo delle tariffe proposte dall’Amministrazione.

La prima iniziativa del gruppo di lavoro sarà quella di chiedere una convocazione all’amministrazione Accorinti e alle competenti Commissioni consiliari del Comune. Quindi sarà fissato un giorno in cui le utenze domestiche e quelle non domestiche rappresentate dal Tavolo si presenteranno insieme alle isole ecologiche comunali per conferire i rifiuti da avviare al recupero, ricevendone apposita e idonea certificazione finalizzata all’ottenimento della riduzione tariffaria.

Ma la preoccupazione del Tavolo Uniti per Messina è anche per i troppi ormai Enti a gestione commissariale. “È -si sottolinea- la dimostrazione di una precisa volontà politica di ‘non decidere’ e di ingessare qualsiasi forma di programmazione e di gestione diretta del territorio”.

Per le diverse componenti di Uniti per Messina “è fondamentale, ancor più in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, ove possibile, restituire alla normale operatività questi Enti. La funzione del Commissario dovrebbe essere semplicemente quella di traghettare in tempi rapidi l’Ente di sua competenza a una gestione ordinaria, salvo quelli per cui è necessario procedere senza ulteriori perdite di tempo, sgombrando il campo dalle sovrapposizioni e dai conflitti istituzionali, alla loro definitiva liquidazione.

L’ormai costante ripetersi di commissariamenti -denuncia Uniti per Messina- induce a pensare che vi sia una precisa volontà di gestione alternativa a quella che la norma vorrebbe. Questo si trasforma in danno per la città, che rimane ingestita negli Enti che ne dovrebbero governare lo sviluppo e l’occupazione”.