Per i Carabinieri di Barcellona arriva la nuova Alfa Romeo Giulia. Impegnata in serata in un servizio coordinato

IMG 20220902 WA0092Avvistata questa sera per le vie di Barcellona Pozzo di Gotto la nuova Alfa Romeo Giulia nello speciale allestimento della Sezione Radiomobile nel corso di un servizio coordinato svolto dai militari in città. La nuova autovettura, in distribuzione per vari reparti dell’Arma, si è aggiunta a quelle già in dotazione alla Sezione Radiomobile, diretta dal Luogotenente Carmelo Mucella. Si tratta di un veicolo dalle prestazioni particolarmente brillanti e dotata di una serie di soluzioni tecniche e di protezioni studiate appositamente per l’impiego di pronto intervento, offre adesso un ulteriore strumento ai Carabinieri del Nucleo Ooerativo e Radiomobile, diretto dal Tenente Francesco Severo, per il pattugliamento ed il controllo del territorio.

L’Alfa Romeo Giulia Radiomobile 2.0 è equipaggiata con un motore 2.0 turbo benzina da 200 CV con cambio automatico, utilizzabile anche in modalità sequenziale, a 8 rapporti

in livrea blu istituzionale. L’allestimento è stato sviluppato secondo le richieste dell’ maturate dall’impiego quotidiano degli equipaggi. IMG 20220902 WA0090

Fanno parte delle dotazioni specifiche i due lampeggianti con luce laterali e faro orientabili, lampeggianti led su specchi retrovisori esterni, parabrezza blindato e cristalli laterali e lunotto antisfondamento, porte anteriori blindate con protezione balistica estensibile per i piedi, protezione antiscoppio del serbatoio, due porta elettromeccanici, una cellula isolata per il trasporto di un arrestato, porta giubbotti antiproiettile in abitacolo e alloggiamenti ergonomici per gli equipaggiamenti dei componenti del personale a bordo, oltre ad un altoparlante esterno.

Questa sera è uscita dunque per la prima volta in campo per un servizio straordinario di controllo del territorio unitamente ad altre pattuglie e della Compagnia Carabinieri di Barcellona Pozzo guidata dal Capitano Lorenzo Galizia.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.