Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Musica. Filarmonica Laudamo, al PalaCultura “Shakespeare sonnets & duets”

MESSINA. Un splendida rarità del panorama italiano e internazionale oggi alle 18 al Palacultura Antonello per la 97° Stagione Concertistica della Filarmonica Laudamo con la riscoperta dei magnifici  Shakespeare sonnets & duets di Mario Castelnuovo Tedesco, uno dei più importanti compositori italiani del ‘900 (Firenze 1895 – Beverly Hills 1968). La pregevole operazione di averli riscoperti si deve a Claudio Proietti, fra i nostri più colti e sensibili pianisti, riportando alla luce queste splendide composizioni e, quindi, di restituire la drammaturgia della profonda e ispirata scrittura di Castelnuovo Tedesco, legata a testi letterari a lui così cari. Un’operazione ragguardevole sia sotto il profilo storico che musicale appena pubblicata su Brilliant, che per la prima volta viene presentata in Sicilia.

Protagonisti del concerto Valentina Coladonato (soprano), Mirko Guadagnini (tenore) e Claudio Proietti (pianoforte). Un concerto tra musica e teatralità, che vedrà anche la recitazione dei Sonetti da parte degli stessi cantanti. In particolare sarà eseguita un’ampia selezione dei meravigliosi Shakespeare Sonnets. e degli ancora inediti Shakespeare Duets op. 97 (con testi tratti da “Romeo and Juliet”, “The Merchant of Venice” e “The Timing of the Shrew”).

Valentina Coladonato ha cantato in enti prestigiosi come Teatro alla Scala, Opéra de Paris, Salzburger Festspiele, Musikverein, Concertgebow, De Singel, Filarmonica di San Pietroburgo, e con direttori d’orchestra come Muti, Abbado, Robertson, Shambadal, Eötvos.

Mirko Guadagnini, il suo repertorio spazia dal barocco alla liederistica fino alla contemporanea. Ha collaborato con direttori di fama mondiale come Muti, Metha, Campanella, Abbado, Whun Chung, Renzetti, Pidò, Gardiner e con orchestre altrettanto prestigiose come quelle del Teatro alla Scala, Radio France, Freiburger, Mozarteum, Santa Cecilia.

Claudio Proietti, nel 1989 fondò E.CO. Ensemble per l’Esperienza Contemporanea con cui ha partecipato ai più importanti festival e stagioni in Italia, Europa e Sud America  Ha pubblicato vari libri fra cui due monografie dedicate a Ivan Fedele e un’analisi del Mikrokosmos di Bartók.  È stato docente e direttore del Conservatorio “Niccolò Paganini” di Genova nonché direttore artistico del Teatro “Verdi” di Pisa. 

Prossimi appuntamenti:

giovedì 22 febbraio, Sala Laudamo ore 19, MICHELE MARCO ROSSI violoncello, in “Roots of Traces”, un programma di autori contemporanei, da uno dei più innovativi musicisti italiani;

-domenica 25 febbraio ore 18, Palacultura Antonello con CALOGERO PALERMO con l’ORCHESTRA SINFONICA DEL CONSERVATORIO “CORELLI” diretta da BRUNO CINQUEGRANI. In programma musiche di Mozart, Mussorgsky.