Morgantina, la Clitemnestra di Viola Graziosi: non più moglie assassina ma donna a cui è stata strappata la figlia

ENNA. Non più moglie assassina che uccide il marito di ritorno dalla guerra di Troia per poter vivere comodamente con l’amante Egisto; ma donna a cui è stato ucciso il primo marito, e madre a cui è stata strappata la figlia per ragion di Stato. Viola Graziosi offre un’immagine diversa della regina Clitemnestra, la veste di contemporaneità, e la consegna all’angolo delle donne forti e volitive che decidono, a tavolino, come cambiare la propria vita, anche se questo vuole dire essere consegnati alla Storia come una fedifraga omicida. Il testo dell’ex presidente della Camera dei Deputati, Luciano Violante, indaga la donna e le chiede di “difendersi” di fronte al pubblico, nella messinscena della “Clitemnestra” di Giuseppe Dipasquale sulle musiche di Gustav Mahler, in scena ieri sera al BarbablùFest nell’area archeologica di Morgantina (EN). Grandi applausi alla fine dello spettacolo dal pubblico che ha riempito l’Ekklesiasterion, il secondo spazio a disposizione del nuovo festival. Intanto questa sera alle 19.30 Ninni Bruschetta e la pianista Cettina Donato presentano I Siciliani. Vero succo di poesia con Dario Rosciglione, Mimmo Campanale, Celeste Gugliandolo, recital nato da uno speciale progetto discografico che è un omaggio, in musica e parole, all’arte e alla poesia dello scrittore siciliano Antonio Caldarella, scomparso nel 2008. Biglietti: 8 euro. Si entra con Green pass. Biglietti e info su www.terzomillennio.info. Un esperimento

del tutto nuovo è invece quello che coinvolgerà Salvo Piparo, non comico ma moderno aedo in Un giudice per come Dio comanda – lunedì sera (23 agosto) alle 19,30 sempre nell’Ekklesiasterion -; con Emanuela Fai (canti popolari, ma anche Penelope e Medusa) e il figlio, un enfant prodige di appena 12 anni, Duilio Virzì (pianoforte, percussioni e fisarmonica) che incarnerà ora lo spirito del giudice ucciso ora un angelo. Per raccontare – dopo un’introduzione di Giuseppe Sottile che leggerà un brano di Sciascia – il giudice “ragazzino” Rosario Livatino, eroe di questa terra martoriata, di una Sicilia in bianco e nero. Il lavoro, liberamente tratto dal testo di Alfredo Mantovano, Domenico Airoma e Mauro Ronco, cunta la storia di una giovane anima, innamorata del senso profondo e puro di Stato. Biglietti: 8 euro. Si entra con Green pass. Biglietti e info su www.terzomillennio.info

INFO PRATICHE

Gli spettacoli teatrali inizieranno alle 19,30, i concerti alle 20, e si divideranno nei due siti all’interno del Parco archeologico di Morgantina. Ingresso: 8/12 euro (teatro: 8 euro, musica: 12 euro). Le presentazioni di libri e gli incontri saranno sempre alle 18,30 nel giardino adiacente al Museo di Aidone, ad ingresso libero. L’accesso seguirà le regole previste dalla normativa anticovid, quindi con green pass o tampone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *