Milazzo, servizio straordinario di controllo dei Carabinieri: diverse le persone denunciate

Carabinieri notte siciliansI Carabinieri della Compagnia di Milazzo guidati dal Capitano Andrea Maria Ortolani hanno effettuato nel fine settimana un servizio straordinario di controllo del territorio. I militari hanno effettuato diversi posti di controllo alla circolazione stradale, nel corso dei quali hanno deferito in stato di libertà:
– tre persone, per guida sotto l’influenza di alcool, poiché, controllati alla guida delle proprie autovetture e sottoposti all’accertamento tramite etilometro, sono risultati positivi con tassi alcolemici ben superiori ai limiti previsti;
– una persona per rifiuto di sottoporsi all’alcoltest, poiché, controllata alla guida della propria autovettura ed invitata a sottoporsi al previsto accertamento, si è opposta;
– una persona per reiterata guida senza patente, poiché controllata alla guida di un veicolo senza essere in possesso del prescritto titolo di guida, con reiterazione nell’ultimo biennio;
– una persona per porto

di armi od oggetti atti ad offendere, perché trovata in possesso di un coltello senza giustificato motivo;
– una persona per violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, misura di prevenzione alla quale il soggetto è sottoposto.
Infine 5 persone sono state segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntrici di stupefacente, poiché trovate in possesso di modiche quantità di marijuana e hashish, detenute per uso personale, che sono state sequestrate. Le sostanze stupefacenti rinvenute sono state sequestrate ed inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche per le analisi di rito. In totale sono state controllate  134 vetture e 272 persone, di cui 24 nel proprio domicilio in quanto aventi misure privative della libertà personale. Molteplici  le sanzioni elevate relative al codice della strada, tra cui la mancanza di copertura assicurativa, di documenti di guida e di revisione, il mancato uso delle cinture di e del casco protettivo, le omesse revisioni e l’uso del cellulare alla guida.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.