#Messina. RTI di Marsala si aggiudica il servizio di accoglienza migranti

La ex caserma Gasparro di Bisconte
La ex caserma Gasparro di Bisconte

L’RTI costituito da Arca e Medical, due cooperative di Marsala, si è aggiudicato il servizio di accoglienza e assistenza dei migranti che arrivano a Messina.

L’assegnazione è stata definita ieri e riguarda le due strutture allestite dalla Prefettura al PalaNebiolo all’Annunziata e nell’ex caserma Gasparro a Bisconte.

Al bando hanno partecipato una decina di società, per lo più siciliane. A valutare le loro offerte una  appositamente costituita presso la Prefettura di Messina, che “in conformità alle indicazioni ricevute dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del ministero dell’Interno ha

aggiudicato definitivamente il 23 aprile 2015, dopo la verifica del possesso dei requisiti richiesti, il servizio di accoglienza dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale”. Per ciascun immigrato l’RTI di Marsala 23,98 euro al giorno.

“La settimana prossima incontrerò il vecchio e il nuovo gestore per il passaggio delle consegne -dichiara Maria Antonietta Cerniglia, vice prefetto vicario di Messina. Adesso che l’appalto è stato assegnato faremo in modo che il trasferimento delle competenze avvenga nel miglior modo possibile, facendo sì che nessuno dei migranti ospiti nelle nostre strutture abbia problemi di alcun tipo e continuando a garantire ospitalità e assistenza”.

Vista la mancanza di risposte da parte dell’amministrazione Accorinti, la Prefettura di Messina si è fatta anche carico dell’assistenza dei minori non accompagnati. L’estate scorsa è stata individuata una ex Ipab in via San Sebastiano, che attualmente ospita oltre 100 minorenni.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.