Messina, la Lega primo partito in Consiglio comunale a Palazzo Zanca

Lega PrimalItalia SiciliansMESSINA. Da due a cinque consiglieri in un colpo solo e da questa mattina tra i partiti presenti in Aula a Palazzo Zanca la Lega è quella più numerosa. Dopo un periodo nel purgatorio del Gruppo Misto, Mirko Cantello, Emilia Rotondo e Giulia Restuccia sono passati con il partito di , che adesso potrà contare su due gruppi consiliari.

Il primo, che vede capogruppo Giuseppe Villari e componente Amalia Centofanti è Prima l'Italia. Un anno fa alleato con Cateno per le elezioni amministrative, salvo poi divorziare pochi mesi dopo a causa degli attacchi violentissimi di quest'ultimo nei confronti del leader della Lega. Attacchi ai quali il vicecapogruppo del Senato, il messinese Nino Germanà, ha risposto in perfetto stile Prima Repubblica: ignorare gli insulti dell'ex sodale e fargli saltare l'alleanza in Aula, contribuendo in maniera determinante a fargli perdere la maggioranza, facendo scendere l'amministrazione Basile a 15 consiglieri su 32.

Da questa mattina, Cantello (che era stato eletto in Prima l'Italia e poi era passato al Gruppo Misto anticipando la rottura degli altri con De Luca) è il capogruppo della Lega a Palazzo Zanca. Accanto a lui le Rotondo e Restuccia.

Una scelta, quella di avere i due gruppi Prima l'Italia e Lega, che consentirà agli esponenti del partito del ministro delle Infrastrutture di avere più peso in conferenza capigruppo. Stamane la presentazione a Palazzo Zanca e del nuovo gruppo politico, del quale sottovoce, ma neanche tanto, si parlava già da tempo, alla presenza non solo di Germanà e del deputato ARS della Lega Pippo Laccoto e degli esponenti locali del Carroccio, ma anche di altri consiglieri del centrodestra.

Per quanto riguarda la maggioranza, con 17 consiglieri su 15 tra centrodestra e centrosinistra resta saldamente in mano all'opposizione, mentre si sussurra di altri possibili passaggi dopo la pausa dei lavori dell'Aula dalle fila dell'amministrazione verso gli scanni degli avversari della Giunta Basile.

mm

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.