L’Inter Summer Camp a Barcellona Pozzo di Gotto

InterSummerCamp siciliansMESSINA. L'Inter Summer Camp per la prima volta nel Meridione. Il luogo scelto è Barcellona Pozzo di Gotto. A presentarlo Domenico Rizzo (presidente Wonderland Soccer Club), Stefano Alacqua (vicepresidente Wonderland Soccer Club), Stefano Martini (Tecnico Inter Summer Camp), Elisabetta Borghese (allenatrice Wonderland Soccer Club), Antonio Maimone (allenatore Wonderland Soccer Club) e Salvatore Ferraro (allenatore calcio con focus su allenamento portieri). 

Per me è un onore ospitare a Wonderland l'Inter Summer Camp. – ha esordito Domenico Rizzo.  Da quando ho fondato questa realtà, l'obiettivo è sempre stato uno soltanto: offrire il meglio possibile e credo che oggi questo sia successo. Non posso che ringraziare la Fc Internazionale per questa preziosa collaborazione con noi, il mio staff senza il quale nulla sarebbe realizzabile, ma soprattutto i bambini che hanno scelto di essere qui per l'Inter Summer Camp e durante il Centro Estivo. Tra di loro, abbiamo romani, spagnoli, svedesi, ma anche palermitani, oltre ai bambini più vicini logisticamente a noi e questa per me è la soddisfazione più grande: che ci scelgano, anche durante la loro vacanza perché siamo una sana offerta educativa e formativa. Mi dispiace molto per coloro che avevano chiesto di partecipare, ma non hanno potuto dato che eravamo sold-out già il mese scorso, ma prometto che dal prossimo anno cercheremo di programmare più settimane di Inter Summer Camp per soddisfare la vostra richiesta. Quest'anno – conclude – abbiamo incrementato la nostra offerta con il meglio dello sport e non potevamo avere partner migliori. Spero che il messaggio arrivi a tutta la cittadinanza e sia forte e chiaro: mentre al Nord Italia è del tutto normale avere questa opportunità, per noi (e l'appuntamento di oggi lo conferma) è ancora qualcosa di eccezionale. Ma volevo dirvi che anche noi meritiamo il meglio e lo possiamo ottenere. La nostra offerta su Milano non nasce soltanto come modo di esportare il nostro format, ma anche come scusa per riuscire a carpire il meglio e proporlo qui da noi per annientare ogni differenza tra nord e . La passione, i sacrifici e la volontà sono gli ingredienti fondamentali per garantire alle future generazione una formazione di qualità, come e migliore di quella in atto”.

L'inter Summer Camp nasce dall'ambizione, da un obiettivo ben preciso e dalla voglia di rompere gli schemi della convenzionalità settoriale. – chiarisce Stefano Alacqua. Wonderland è un'azienda che sta crescendo, determinata ad ottenere il massimo, valorizzando i propri clienti e non solo. Da quest'anno, molte cose sono cambiate sia internamente che esternamente e per il ruolo che ricopro, vi garantisco che continueranno a cambiare al fine di innovare Wonderland azienda e il settore di riferimento. L'aver siglato questa entusiasmante e virtuosa partnership con Inter, è la piena dimostrazione e conferma di quanto appena detto. Siamo gli unici al sud Italia e godiamo dell'esclusività a livello regionale. Da responsabile di questo progetto, posso dirvi che sono orgoglioso di averlo gestito e aver ricevuto da parte di Inter la massima disponibilità allo sviluppo dello stesso. Questo è frutto di un egregio lavoro, fatto di relazioni, serietà e voglia di differenziarci”.

Ma le novità a Wonderland srl non finiscono e Alacqua aggiunge:Anche il nostro Wonderland Survivor, evento che per ben 3 volte di fila è andato sold-out, fa parte del processo innovativo di prodotti e servizi, è stato un successo strepitoso. Da poco abbiamo lanciato anche i Teen-party Wonderland, ideati e pensati per rispondere alle esigenze dei teenager di oggi e sviluppati sulla base di trend internazionali. Inoltre, prossimamente un nuovo format ‘Un esempio per me' vedrà ospite una famosissima campionessa olimpica, Alessia Maurelli, che incontrerà i wonderlini nonché tutta la comunità barcellonese. Un importante appuntamento che ha ricevuto il placet dell'assessore alla Cultura e allo Spettacolo Angelita Pino che ha voluto fortemente includere questo evento all'interno del cartellone barcellonese. Non svelo più nulla, ma aspettatevi tanto altro… fidatevi, siamo solo all'inizio!

Accanto a Wonderland, la rappresentanza Inter con Stefano Martini, il tecnico Inter Summer Camp che sta allenando i ragazzi e il quale ha illustrato i punti di forza di Inter Summer Camp e la sua esperienza appena iniziata in Wonderland. Ringrazio Wonderland per averci ospitato e sono felice di rappresentare la prima edizione di Inter Summer Camp al Sud. La giornata tipo dell'Inter Summer Camp è fatta di allenamenti adatti a tutti nella prima parte della giornata e poi nel pomeriggio. Lo spirito dello sport aiuta molto, infatti quello a cui miriamo è certamente impartire i valori dello sport, favorire le amicizie tra i ragazzi e soprattutto l'aspetto ludico.”

Tra le altre novità presentate in conferenza stampa, anche il Wonderland Soccer Club, la nuova squadra di calcio maschile e femminile. Ad illustrare il progetto sono stati Elisabetta Borghese, allenatrice Wonderland Soccer Club e Segretario Wonderland Soccer Club ed Antonio Maimone, Allenatore Wonderland Soccer Club.

Da tifosa dell'Inter e da allenatrice, io sono onorata e felice di poter fare questo tipo di esperienza. – ha affermato Elisabetta Borghese. La passione e l'entusiasmo che mi accompagnano in questo percorso in Wonderland, oggi trova compimento e mi dà la spinta per affrontare la nuova esperienza della Scuola di Calcio in casa Wonderland. Abbiamo fortemente voluto la Scuola Calcio coniugata sia al maschile che al femminile, ci lavoravamo da tempo e se tutto va bene, a settembre si realizza quest'altro sogno”.

Come diceva Elisabetta, – continua Antonio MaimoneWonderland è un posto in cui i sogni si realizzano e avviene prima per noi adulti che per i bambini. Questa azienda ci permette di crescere e così come offre il meglio ai ragazzi, lo pensa anche per i suoi dipendenti. Per me è un onore far parte del team, di questo team”. Allenare i ragazzi è un privilegio –ha concluso Salvatore Ferraro e impartire loro l'idea che adesso il portiere è il primo attaccante, un elemento fondamentale per la squadra, mi rende ancora più felice di riuscire a far parte di questo team”.