Etna, dalla Regione altri 6 milioni ai Comuni per la rimozione della cenere

SICILIA. In arrivo dalla Regione Siciliana altri 5,7 milioni di euro per i Comuni che hanno subito danni a causa della cenere vulcanica dell’Etna. Il dirigente generale del dipartimento regionale della Protezione civile Salvo Cocina ha firmato il decreto per erogare le somme a una trentina centri del comprensorio. Salgono così a 10 i milioni di euro complessivamente destinati dal Governo Musumeci alle amministrazioni colpite dall’incessante attività vulcanica. Nello scorso giugno, infatti, era già stato trasferito un primo milione di euro, risultato insufficiente a coprire le spese sostenute per rimuovere e conferire la cenere accumulata nelle strade e negli spazi pubblici e ripristinare la viabilità. Per la stessa finalità, a settembre erano stati destinati altri 3,3 milioni di euro agli enti locali dell’area etnea. «Aggiungiamo ulteriori risorse a quelle già stanziate – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci – per venire incontro a sindaci e cittadini colpiti dai disagi e dai danni
creati dalla cenere e dai lapilli, costretti da sette mesi ad affrontare un’emergenza che non può più essere considerata sporadica. Questo fenomeno costituisce una calamità nazionale che deve essere gestita in maniera continua, approntando mezzi, uomini e piani  costantemente operativi. Un’esigenza che abbiamo già rappresentato a Roma, in attesa di una risposta concreta». 
Il nuovo stanziamento sarà ripartito tra i Comuni di Aci Bonaccorsi (16.719 euro), Aci Castello (30.443), Aci Catena (39.361), Aci Sant’Antonio (4.233), Acireale (196.828), Calatabiano (48.371), Fiumefreddo di Sicilia (454.640), Giardini Naxos (216.720), Giarre (711.732), Graniti (20.000), Gravina di Catania (84.303), Linguaglossa (28.000), Mascali (88.682), Mascalucia (130.232), Milo (771.160), Motta Camastra (25.000), Pedara (304.649), Piedimonte Etneo (260.485), Riposto (915.763), San Giovanni La Punta (18.416), San Pietro Clarenza (23.189), Sant’Agata li Battiati (81.206), Sant’Alfio (125.914), Santa Venerina (449.480), Taormina (25.745), Trecastagni (48.511), Tremestieri Etneo (210), Viagrande (21.997), Zafferana Etnea (652.835).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *