Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Messina, tenta di rapinare una casa: arrestato topo d’appartamento georgiano

MESSINA. L’intensificazione dei servizi di controllo del territorio e l’implementazione delle Volanti presenti in città, disposte dal Questore Mario Finocchiaro, ha permesso di sventare un furto in appartamento in piena notte e l’arresto del suo autore. L’uomo arrestato in flagranza di reato dagli agenti delle Volanti, nella notte tra sabato e domenica, è un cittadino di nazionalità georgiana, 35 anni, con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio commessi in concorso con altri connazionali in varie città italiane. Espulso nel 2016 e noto alle forze di polizia anche con altre identità utilizzate dal malvivente all’occorrenza, Irakli Gabunia è stato condannato più volte per il reato di furto in abitazione. Alle 4 del mattino di domenica, il cittadino georgiano si trovava in centro città, nei pressi del viale San Martino, all’interno di uno stabile da cui è stato notato uscire. Bloccato dai poliziotti, l’uomo ha opposto resistenza, colpendo uno degli agenti, ed è scappato. E’ stato inseguito lungo le vie limitrofe e, solo dopo un lungo inseguimento, è stato raggiunto e bloccato dai poliziotti in via Pavia dove ha tentato maldestramente di nascondersi. Dopo una nuova colluttazione è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, trasferito nella locale casa circondariale. Gli accertamenti effettuati all’interno dello stabile preso di mira hanno dimostrato che il cittadino georgiano aveva provato a scassinare la porta di ingresso di uno degli appartamenti nonostante la presenza dei proprietari in casa. Il ladro aveva addosso una chiave bulgara, due magneti e 635 euro in contanti. Altri oggetti di cui ha provato a disfarsi durante la fuga sono stati recuperati e sequestrati. A fare da palo al malvivente due complici a bordo di un’auto che, all’arrivo dei poliziotti, si sono dileguati a piedi. A bordo della suddetta auto, altri oggetti atti allo scasso tra cui giravite, ulteriori magneti (generalmente utilizzati per neutralizzare i sensori di eventuali sistemi d’allarme) forbici e filo metallico già piegato ad arte e utile per l’apertura delle serrature. In corso indagini per identificarli.