Barcellona PG, venerdì 8 luglio alla villa Primo Levi il magistrato Sebastiano Ardita presenta il suo libro “Al di sopra della legge”

IMG 20220705 WA0002L’assessorato alla cultura del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto, nella persona dell’avv Viviana Dottore, in collaborazione con la Mondadori Store di Barcellona Pozzo di Gotto, nella persona della responsabile Angelica Furnari, invitano la cittadinanza alla presentazione del libro del Dottore Sebastiano Ardita dal titolo “Al di sopra della legge, come la mafia comanda dal carcere”, alle ore 19:00 di venerdì 8 luglio nella la Villa Primo Levi.
Un appuntamento importante e da non perdere con l’ illustre autore-magistrato.
Sebastiano Ardita, entrato in magistratura all’età di 25 anni, ha iniziato come sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania, divenendo poi componente della Direzione distrettuale antimafia, ove si è occupato di criminalità organizzata di tipo mafioso, di inchieste per reati contro la pubblica e di infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti e forniture. È stato

generale dell’ufficio detenuti, responsabile dell’attuazione del regime 41bis e poi procuratore aggiunto presso il Tribunale di Messina e di Catania. È componente del consiglio superiore della magistratura.

“Sono veramente felice di poter ospitare nella città di Barcellona Pozzo di Gotto il Dottore  Sebastiano Ardita. Sono contenta che stia trovando realizzazione un progetto di lotta concreta alla mafia, articolato e complesso ma voluto fortemente in ogni sua parte. Prima il corteo studentesco, poi il giudice della Dda di Messina Dottore Cavallo che parla a cuore aperto ai ragazzi delle nostre scuole cittadine, adesso  Ardita con il suo libro che osserva il volto della criminalità e il suo cambiamento dall’interno di un carcere. Parliamone più che possiamo e sempre. Sono convinta che siamo sulla strada giusta. La città di Barcellona, nello specifico, ospita al suo interno il carcere Madia, ed è arrivato il momento di volgere lo sguardo anche oltre la realtà di quelle mura così alte e giustamente invalicabili.”

All’incontro parteciperanno anche, dialogando con l’autore, il dott. Emanuele Crescenti, Procuratore Capo presso la Procura della Repubblica di Palmi e il prof. Luigi Chiara.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.