Barcellona PG, trovata mina antiuomo in mare a Calderà: sul posto arrivano le forze dell’ordine

inbound4425708170452335544
L’ordigno trovato a Calderà

Approfittando della bella giornata, stava facendo una nuotata nel di Calderà, quando all’altezza del nuovo ponte ha notato qualcosa nel fondale: una mina antiuomo, forse della seconda guerra mondiale. Un ritrovamento quello di Domenico Fugazzotto, per anni gestore del servizio delle lampade votive al cimitero barcellonese, ed amante del mare e della pesca sportiva, inaspettato che ha fatto scattare l’allarme.

inbound4328331938549797697
https://i0.wp.com/www.sicilians.it/wp-content/uploads/2022/06/inbound4328331938549797697.jpg?resize=150%2C150&ssl=1 150w, https://i0.wp.com/www.sicilians.it/wp-content/uploads/2022/06/inbound4328331938549797697.jpg?w=768&ssl=1 768w" sizes="(max-width: 600px) 100vw, 600px">
Domenico Fugazzotto

Nel pomeriggio di ieri ha fatto l’anomala scoperta ed ha allertato la Capitaneria che, giunta sul posto, ha predisposto tutto l’iter per la messa in sicurezza della zona. Informata pure la Prefettura, Carabinieri e Vigili Urbani. La zona si trova attualmente presidiata dalle forze dell’ordine. Nelle prossime ore già  programmato l’intervento per far brillare l’ordigno.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.