Barcellona PG, nella zona di Sant’Andrea l’ennesima rissa. I residenti: “Siamo terrorizzati e stanchi”

BarcellonaPG sparatoria 2 SiciliansMESSINA. La zona di Sant’Andrea ancora palcoscenico di scontro tra immigrati furiosi e violenti.

Ieri sera l‘ennesima scena violenta che terrorizza e mette in stato di allerta i cittadini barcellonesi residenti nel quartiere. Per tale motivo si sono rivolti alla nostra redazione, dove non solo denunciano la situazione di terrore radicata nella zona ma richiedono dei provvedimenti immediati con la certezza di una maggiore vigilanza e sicurezza.
“Il degrado nella zona continua nell’ indifferenza generale. Stanotte i Carabinieri e l’ambulanza sono interventi per l’ennesima violenta rissa avvenuta tra immigrati. Le vie della zona sono in mano a immigrati ubriachi e sotto effetto

di droghe che ci costringono a una vita poco sicura, ai limiti della tollerabilità. Viviamo sotto assedio per il crescente degrado del fuori controllo. La situazione è insostenibile e fuori controllo, dove grazie alla tempestività di Polizia e Carabinieri negli ultimi mesi si è scongiurato il peggio, ma è una situazione che potrebbe causare l’irreparabile a breve. Siamo stanchi e terrorizzati – concludono – ma soprattutto ci sentiamo abbandonati da tutti”. Un lassismo che sta permettendo di farla da padroni a combriccole di stranieri, non appena scompaiono le forze dell’ordine, scatenano violente risse a ogni ora. Proprio come accaduto la notte scorsa. Una situazione non più accettabile, dove alle segnalazioni, alle denunce venga dato seguito coi fatti concreti.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.