Barcellona PG, estorsione ai lavoratori, condannato l’imprenditore Immacolato Bonina

inbound5428909112874166127MESSINA. I giudici del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, Antonino Orifici, componenti Noemi Genovese e Maria Cristina Polimeni, hanno condannato l’ Immacolato Bonina a 6 anni e 3 mesi di reclusione. Per i giudici, nel processo di primo grado, Bonina è stato riconosciuto colpevole dei reati di estorsione ai danni di alcuni dipendenti e di indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato. Il Pm Veronica De Toni aveva invece chiesto la condanna a 8 anni e 6 mesi. Bonina è stato condannato anche al risarcimento dei danni in sede civile. Sono stati 22 i dipendenti che si sono costituiti parte civili con i legali Antonino Centorrino, Giorgio Leotti, Gioele Sodano e Carmelo Buccheri. Si è costituita parte civile anche l’Inps con il legale Antonello Monoriti.