Barcellona PG, belli gli abiti di Carnevale realizzati dagli gli alunni della Capuano utilizzando le mascherine chirurgiche

IMG 20230220 WA0026Le insegnanti della scuola dell'Infanzia dell'Istituto Comprensivo Capuana di Barcellona Pozzo di Gotto (plesso “De Gasperi”), diretto dalla Dottoressa Carmela Pino, hanno dato nuova vita alle mascherine chirurgiche rimaste inutilizzate dopo l'emergenza . In occasione del Carnevale, con idee ingegnose e autentiche, le docenti hanno infatti riutilizzato le mascherine in disuso, realizzando originali vestiti di Carnevale insieme all'aiuto dei loro piccoli alunni. I bambini hanno partecipato con entusiasmo a questa iniziativa che ha portato in loro un miglioramento della manualità creativa promuovendo lo sviluppo dell'arte e del riciclo, attraverso la sperimentazione di nuovi processi creativi e il recupero di materiali ancora utili. Per la realizzazione degli abiti, le insegnanti delle cinque sezioni hanno preso spunto da diversi temi, usando i colori che li caratterizzano. Il rispetto delle donne, per educare alla non violenza, argomento che va affrontato sin dall' infanzia, per la creazione di relazioni positive e paritarie, ha dato vita alla “Dama spagnola”; con l'abito denominato “ Principessa del mare”, il blu intenso del mare e l'azzurro hanno voluto esaltare l'ambiente isolano in cui viviamo, portando alla mente i momenti gioiosi delle vacanze estive; per la realizzazione della “Fatina della pace” si è partiti dal presupposto che l'unica cosa che serve per vivere in armonia con gli altri e con la natura è la pace; “La Principessa arcobaleno” è stata ideata per comunicare che la pioggia non sia motivo di disagio, ma porti gioia e serenità; “ La Regina della primavera”, con i suoi colori variopinti è simbolo di rinascita della vita e di speranza, vuole lasciare un messaggio che ci aiuti a credere in un mondo migliore.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.