Barcellona è orgogliosa di festeggiare la promozione di Andrea Calanni e Geatano Milone alla CAN D

Collage 2023 07 03 18 19 49La città di Barcellona è in festa per la promozione di Andrea Calanni e Gaetano Milone alla prestigiosa CAN D, la Commissione Arbitrale Nazionale di Serie D, il massimo livello arbitrale del calcio dilettantistico italiano. L'annuncio è arrivato durante la conferenza stampa dell'Associazione Italiana Arbitri, tenutasi oggi a Roma presso la sede della Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Le promozione di Calanni e Milone rappresentano un riconoscimento meritato per il loro impegno e la loro dedizione al ruolo di assistente arbitrale e di arbitro. Durante la scorsa stagione sportiva, Andrea e Gaetano hanno dimostrato costantemente le loro capacità tecniche e la loro professionalità, distinguendosi in numerose partite di calcio disputate a livello regionale.

Il Presidente Francesco D'Anna, il Presidente Onorario Paolo Genovese, il Consiglio Direttivo Sezionale e tutti gli associati dell'Associazione Italiana Arbitri di Barcellona si uniscono per congratularsi con Andrea Calanni e Gaetano Milone per il traguardo raggiunto. La promozione alla CAN D è un risultato straordinario che testimonia il talento e l'impegno di Calanni e Milone nel campo arbitrale.

I giovani arbitri barcellonesi hanno dimostrato di essere una risorsa di grande valore per il calcio italiano e la loro promozione alla CAN D rappresenta un importante passo avanti nella loro carriera. Questo traguardo aprirà nuove opportunità per Calanni e Milone, consentendogli di arbitrare partite di livello sempre più alto e di crescere professionalmente nel mondo del calcio.

La loro promozione alla CAN D è motivo di grande orgoglio per la comunità di Barcellona. La città è sempre stata un trampolino di lancio per giovani talenti sportivi e per loro rappresenta un altro esempio di come la determinazione e il duro lavoro possano portare al successo. La loro promozione sarà un'ispirazione per le nuove generazioni di arbitri e giocatori della città, dimostrando loro che i sogni possono diventare realtà con impegno e passione.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.