ATM Messina, i sindacati: “Sfilza di promozioni ad personam”

MESSINA. Sono bastate meno di 48 ore alla dirigenza di Atm per smentire persino gli impegni richiesti dal sindaco Basile – dichiarano Filt Cgil Uiltrasporti Faisa Ugl Orsa – e procedere con ennesimi avanzamenti di carriera temporanei destinati ai soliti prescelti dal presidente.
In occasione dell’incontro tenutosi a Palazzo Zanca il 21 dicembre scorso, finalizzato a superare le criticità interne ad ATM S.p.A., si era concordato, in presenza dei vertici Atm Spa, attraverso l’autorevole mediazione del Primo Cittadino, di sospendere ogni azione conflittuale e, a bocce ferme, calendarizzare un percorso di trattativa tra le parti volto a individuare soluzioni condivise per dare risposte concrete alle rivendicazioni alla base delle recenti azioni di protesta. Ma il presidente Campagna con spregiudicatezza e arroganza inaudite perde il pelo ma non il vizio di alzare la tensione anche a costo di smentire gli stessi impegni presi dinnanzi al sindaco della città.
Sia chiaro, non ci stupiscono né le promozioni né i nomi dei prescelti – dichiarano Filt Cgil Uiltrasporti Faisa Ugl Orsa – tanto da averle già anticipate, con paranormale precisione, in una nota consegnata in prefettura diverse settimane or sono. Ricordiamo che tra le motivazioni delle procedure di raffreddamento in atto è compresa la richiesta dei sindacati di “Individuazione in Atm di un sistema trasparente, premiante della meritocrazia e della professionalità, in tema di avanzamenti di parametro, anche temporanei” per sgombrare il campo dal sospetto di nepotismi, promozioni secondo “simpatie” e/o colore della maglia politico/sindacale che i lavoratori denunciano da tempo. In rispetto degli impegni assunti con il Sindaco, i sindacati hanno per correttezza sospeso tutte le azioni di protesta
ma ci duole prendere atto che dal versante aziendale le bocce sono rimaste ferme poco più di 48 ore fin quando la Direzione Aziendale, con una sequela di ordini di servizio , ha autorizzato ben tre assegnazioni temporanee di mansioni superiori e relativi aumenti stipendiali . La tattica è sempre la stessa – continuano i sindacati e non a caso fra i prescelti compaiono il segretario aziendale della Fit CISL, unico sindacato che non ha aderito alle azioni di sciopero, insieme ad altri soggetti (notoriamente vicini alla Presidenza), i cui nomi (due su tre) sono stati preventivamente comunicati da questi sindacati al Vice Capo di Gabinetto della Prefettura . Il comportamento aziendale oltre a snobbare gli accordi intrapresi alla presenza del Sindaco, appare come un ulteriore guanto di sfida lanciato al sindacato che chiede regole e trasparenza e meritocrazia se all’interno di un’azienda gestita con soldi pubblici dei cittadini messinesi .
L’arroganza di questo management  alimenta i sospetti di carriere veloci artatamente pilotate, come denunciato dai lavoratori, e viola di fatto la normativa in tema di procedure di raffreddamento con azioni unilaterali, ridicolizzando persino  gli interventi del Sindaco Basile , tesi a instaurare un clima di serenità nell’interesse della città e dei lavoratori ma prontamente smentito dagli atti dei manager di Atm.
L’ennesima violazione degli accordi ed una discutibile gestione dell’azienda pubblica palesano nuovamente l’inaffidabilità del management di ATM S.p.A. – concludono i sindacati –rendendo impossibile ogni forma di confronto costruttivo e per tale motivo , in una nota indirizzata al Sindaco Federico Basile  abbiamo annunciato che la protesta già iniziata con due azioni di sciopero continuerà ad oltranza fino all’indispensabile azzeramento dei vertici della società partecipata”.Atm messina 2 1 1