Assunzioni Comune Messina: aspettando i bilanci e la COSFEL

verificheMESSINA. Due Bilanci da approvare e il nulla osta della COSFEL, la per la stabilità finanziaria degli Enti Locali del ministero dell’Interno, prima di poter bandire le oltre 500 assunzioni a Palazzo Zanca entro Natale. La documentazione del Bilancio consuntivo 2021, ancora da approvare nonostante la scadenza fissata di aprile scorso, è stata consegnata ai consiglieri comunali solo di recente. Quella del Bilancio Consolidato, passaggio immediatamente successivo, ancora no. I consiglieri, anche alcuni dell’opposizione, hanno rinunciato ai 20 giorni previsti per la disamina del singolo documento, che diventerebbero 40 essendo due, facendo così slittare la discussione in Aula.

Una volta approvati dal Consiglio comunale, i due documenti economico-finanziari dovranno ottenere lo sta bene della COSFEL e, solo dopo che da Roma

ci sarà disco verde, si potrà procedere con il bando per le assunzioni. Vera e propria boccata d’ossigeno non solo per gli uffici di Palazzo Zanca, ma anche per centinaia di famiglie messinesi, che potranno contare su oltre 500 nuovi posti di lavoro.

Una corsa contro il tempo non solo per i consiglieri comunali che hanno pochissimo tempo per studiare e poi pronunciarsi sui due bilanci, ma anche perché al Viminale la per la stabilità finanziaria degli Enti Locali si pronunci in tempo utile.

Le centinaia di nuove assunzioni arrivano a 25 anni di distanza dagli ultimi concorsi banditi da Palazzo Zanca e se la Giunta Basile riuscisse a concludere l’iter della pubblicazione entro il 25 dicembre, sarebbe il regalo di più bello per una città affamata di lavoro come poche altre in Italia.


Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.