Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

8 febbraio 17.19 Turismo, Tranchida: “Bit Milano non corrisponde più alle esigenze della Sicilia”

“Le valutazioni del presidente dell’Unione regionale delle province siciliane, Giovanni Avanti, e del presidente dell’Unione delle province italiane, Giuseppe Castiglione, sulla decisione della Regione siciliana di non partecipare, da quest’anno alla Bit di Milano non tengono conto di alcuni elementi che ci hanno spinto a investire in modo diverso, e crediamo, piu’ proficuo le risorse e le energie disponibili, organizzando una manifestazione che non sara’ una replica della rassegna milanese, ne’ un classico evento fieristico. Sara’ un meeting del turismo euromediterraneo, dal 19 al 22 maggio prossimi all’Albergo delle provere di Palermo, con workshop, mostre e convegni che avranno al centro la Sicilia e la sua proposta turistica”. Lo dice l’assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida, replicando alle dichiarazioni di Avanti e Castiglione, oggi in una conferenza

stampa.

“Nell’ultimo triennio – dice Tranchida – la Bit milanese ha registrato un costante calo di presenze e non ha dato concreti riscontri in termini di incremento turistico sul nostro territorio. A fronte di ciO’, la sola presenza dell’assessorato al Turismo costava alla Regione oltre un milione di euro. Si e’ chiusa la stagione delle nostre partecipazioni a fiere e rassegne generaliste. Nel Piano di promozione turistica per il 2011, predisposto dall’assessorato e approvato dalla IV commissione dell’Ars, e’ prevista la partecipazione a rassegne specializzate in settori per i quali si prevede una crescita della quale la Sicilia vuole beneficiare e che vanno dalla nautica alla gastronomia, al turismo religioso e congressuale, alle crociere e al turismo verde, soltanto per fare alcuni esempi. Settori per i quali, la partecipazione alla Bit non risponde piu’ alle nostre esigenze”.