Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

4 marzo 10.53 Pubblicato il nuovo numero di “Città&Territorio”, la rivista del Comune

E´ stato pubblicato un nuovo numero di Città & Territori, la rivista dell’Amministrazione comunale che dal 1992 si occupa di temi legati all’assetto del territorio ed al rapporto con la città.

Questo nuovo numero, sottolineando l’attenzione alla necessità di esaltare il legame tra territorio e città, tra tessuto urbano e cittadinanza, attraverso analisi che coniugano passato e presente, propone un frammento di storia del Palazzo degli Elefanti, oggi limitrofo al palazzo Piacentini, che sopravvisse ad undici terremoti dal 1693 al 1793 e fu quasi risparmiato da quello del 1908.

Gli approfondimenti ospitati sono poi dedicati al Parco dei Peloritani, con le sue peculiarità naturali e paesaggistiche e, nel centenario della morte del poeta Giovanni Pascoli a cui è stata conferita quest’anno la cittadinanza onoraria di Messina, ad un itinerario pascoliano nella città dello Stretto.

Pascoli, che giunse a Messina nel gennaio del 1898, insegnò letteratura latina nell’Ateneo cittadino, visse i cinque anni più belli della sua vita – come egli stesso affermò – e dopo la tragedia del terremoto del 1908 dedicò alla città quelle parole cariche di commozione ed affetto: “tale potenza nascosta donde s’irradia la rovina e lo stritolio, ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza. Ma ne è rimasta come l’orma nel cielo, come l’eco nel mare. Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia”.

Altro omaggio in Città & territorio poi all’attività che la Croce Rossa Italiana espletò a Messina durante la Seconda Guerra mondiale ed in particolare dopo l’improvviso arrivo al civico Ospedale Piemonte dei primi feriti della battaglia navale di Punta Stilo, il 9 luglio del ’40.

Altro contributo alla memoria del territorio è poi dedicato al villaggio di Salice con uno spaccato etnoantropologico del centro collinare e poi un ricordo della Colonia Montana Elvira Crisafulli, aperta nel 1910 nella foresta di Camaro. Contributi tutti che ribadiscono il legame della città al proprio patrimonio culturale, architettonico ed urbanistico e che evidenziano l’opportunità di dare valore e parola al tessuto urbano.

La rivista, il cui primo numero fu edito nel 1992 per accompagnare l’attività di pianificazione e di progettazione della città quando si concretizzava l’elaborazione dello strumento urbanistico, nei prossimi giorni sarà spedita ad abbonati, tecnici, studiosi, centri universitari e potrà essere richiesta gratuitamente all’Ufficio Stampa del Comune a Palazzo Zanca.