Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

3 luglio 13.27 Suicidio OPG Barcellona, Oceano: “Chiudiamo questi luoghi di sofferenza”

 “Ancora una tragedia all’interno dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto dove un “internato” – questo il linguaggio delle “Istituzioni carcerarie manicomiali” si è procurato la morte impiccandosi alle grate della sua cella.

Nonostante l’ultima legge – la 9 del 2012 – abbia dichiarato la dimissibilità senza indugio dei soggetti come l’uomo che si è tolto la vita, lo stesso continuava ad essere sottoposto alla misura delle misure di sicurezza presumibilmente per l’assenza da parte dell’Azienda Sanitaria di appartenenza di una proposta di reinserimento. Ciò a causa dei ritardi con cui si procede alla chiusura degli OPG ed alla costruzione di percorsi realmente alternativi.

Continuiamo a chiedere con forza – insieme a StopOPG – che i Dipartimenti di salute mentale delle Aziende Sanitarie organizzino rapidamente la presa in carico delle persone internate attraverso progetti di terapeutici riabilitativi individuali che ne consentano le immediate dimissioni. Al Governo sollecitiamo il riparto dei finanziamenti che per queste finalità sono state stanziate proprio dalla legge 9 (38 milioni disponibili già nel 2012 e 55 milioni dal 2013).

Fare presto, prestissimo, per fermare la tragedia, chiudere luoghi di sofferenza e deprivazione imposte a persone ingiustamente recluse assicurando percorsi di civiltà con reinserimento e cura adeguati”.