Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

14 gennaio 15.21 Roma, risoluzione del Comitato Centrale di CSP, Partito Comunista sul MUOS

Roma. Il Comitato Centrale di CSP-Partito Comunista esprime la propria solidarietà alla lotta antifascista e antimperialista del popolo siciliano contro l’istallazione delle antenne della Marina militare USA MUOS nella sughereta di Niscemi, che è “sito di interesse comunitario” e non retroterra delle guerre imperialiste. Respinge la repressione fascista e servile del governo Monti, che ha dichiarato invece sito di “interesse strategico per la difesa militare della nazione e dei nostri alleati”, che manda i mezzi blindati per stroncare le proteste e il blocco che cercano di fermare l’istallazione e di sensibilizzare con tutti i mezzi i cittadini, che si opponevano con i loro corpi al passaggio dei mezzi pesanti “in maniera pacifica”, mentre le forze dell’ordine hanno usato le maniere forti per rimuovere fisicamente gli attivisti con numerose cariche.              

                                                                                            Il popolo siciliano sarà quello che pagherà in termini di salute, di diritto al lavoro e alla mobilità senza riguardo per la salvaguardia del territorio.  I vertici regionali e il governo Crocetta non hanno fatto finora e non fanno quello che hanno promesso in campagna elettorale e che avrebbero già dovuto fare, a parte una campagna di annunci. Per ignavia. Perché lo richiedeva il gioco delle parti. Una farsa che si tramuta in tragedia e quindi respingiamo il balletto, capitanato dal principale partito guerrafondaio che oggi in Italia e in Sicilia è rappresentato dal PD e alleati.