Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

11 gennaio 17.39 Salta la seduta della II Commissione, dura nota del presidente Guerrera

“Ho chiesto troppe volte scusa per le sedute deserte agli invitati della IIa Commissione Urbanistica -scrive in una lettera al presidente ed al vice presidente del Consiglio Comunale Previti e Burrascano il presidente della II Commissione Domenico Guerrera- in ultimo, in data odierna, nella quale doveva essere trattata la delibera alla variante parziale alle Norme di Attuazione e per il miglioramento delle condizioni di sicurezza del territorio comunale, al Presidente dell’Ordine degli Architetti Falzea e agli architetti La Spina e De Domenico, e al rappresentante dell’Ordine degli Ingegneri ing. Ferlazzo.

La Commissione aveva il compito e il dovere di trattare una delibera importante per la pianificazione urbanistica del nostro territorio, e a tal fine, il sottoscritto aveva invitato i rappresentanti degli Ordini Professionali, per un dibattito costruttivo.

Purtroppo la Commissione, composta da 15 componenti, oltre i Capigruppo, che non hanno diritto al voto, non si è potuta aprire nemmeno in IIa convocazione, dove è sufficiente avere 1/3 dei componenti (5).

Mi risulta difficile,

comprendere le cause delle reiterate assenze in Commissione, dove i temi da trattare sono importanti e dove attraverso il lavoro, si può contribuire a fare chiarezza sui temi urbanistici, e dare l’input per un nuovo e più razionale modello di sviluppo della città, messo a dura prova dal distorto vigente P.R.G.

Uno strumento urbanistico che l’Amministrazione Comunale non ha voglia di sostituire in ottemperanza alle L.R. 15/91 fin qui disattesa, atteso che in Consiglio Comunale ha fatto una timida apparizione la delibera sulle Linee Guida per la redazione del P.R.G., presentate e ritirate dall’Assessore competente in data 29/10/2009, a seguito del ruggito da leone (leggasi Sindaco), né è stata mai proposta una delibera di conferimento incarico per la redazione di un nuovo P.R.G., se si esclude quelle proposte dal sottoscritto e dal collega Pergolizzi.

Ho chiesto in data odierna una riunione del gruppo politico di cui sono un esponente, per valutare l’opportunità di rassegnare le mie dimissioni da Presidente delle IIa Commissione Urbanistica, non avendo alcun senso presiedere una Commissione fantasma”.