Spadafora – La morte di Enrico Lombardo secondo i pm non fu causata da carabinieri e operatori sanitari

Per la morte del 42enne Enrico Lombardo, verificatasi a il 27 ottobre del 2019, poco prima delle due del mattino,  dopo essere stato fermato e immobilizzato in evidente stato di agitazione dai carabinieri, nessuna colpa può essere addebitata a carabinieri e soccorritori. I magistrati che seguono l’indagine, Vito Di Giorgio, e i sostituti Antonio Carchietti e Alessandro Liprino, hanno chiesto al gip l’archiviazione del caso. I familiari di Lombardo adesso potrebbero depositare nei prossimi giorni una opposizione alla richiesta d’archiviazione.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.