Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Panico a Camaro San Paolo, un guasto alla cabina ENEL manda in tilt gli elettrodomestici

Libero Gioveni, consigliere UDC III Quartiere

Una domenica da ricordare quella di oggi per molti degli abitanti di Camaro San Paolo. Un guasto alla cabina elettrica ha fatto arrivare la corrente a 380 volt bruciando tutti gli elettrodomestici. A denunciarlo il consigliere UDC del III Quartiere Libero Gioveni.

Il guasto al neutro dell’impianto -spiega Gioveni- ha sbalzato di colpo la corrente alla massima tensione di 380 volt in tutte le abitazioni di via Santa Silvia e della parte bassa di via Gerobino Pilli mandando letteralmente in fumo tutti gli elettrodomestici di tutte le abitazioni.

Ho avvisato subito i Vigili del Fuoco, che hanno provveduto a inoltrare una richiesta d’intervento all’Enel, che a sua volta ha inviato sul posto una squadra che ha riparato il guasto.

Ingenti risultano chiaramente i danni alle cose, per i quali i residenti provvederanno a inoltrare opportuna richiesta di risarcimento.

Resta tuttavia lo sconforto e l’amarezza per quanto avvenuto e anche, paradossalmente, la gioia che non sia accaduto l’irreparabile in quanto i danni potevano essere anche più consistenti con dei principi di incendio che fortunatamente sono stati fermati sul nascere”.

Non è la prima volta che gli abitanti della zona subiscono danni a causa di incendi o di principi di incendio provocati dall’impianto elettrico obsoleto. A subire le conseguenze della mancata manutenzione o sostituzione di impianti inadeguati, in passato sono stati soprattutto gli abitanti delle baracche. Gli ultimi due episodi si sono verificati in via Santa Silvia il 5 agosto 2010 e in via Carbonaro l’11 giugno 2012.

“Sarebbe quindi necessario -conclude il consigliere- un attento monitoraggio di tutto l’impianto elettrico per scongiurare tristi fatti di cronaca che soltanto la buona sorte ha evitato stamattina a Camaro San Paolo”.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.