#Musica. Il cantautore romano Artù il 10 agosto in concerto a Tindari

ArtùProsegue l’avventura live di Artù con il suo Tutto Passa che, dopo il successo sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma, sarà tra i protagonisti della serata conclusiva della IV edizione di Indiegeno Fest,la manifestazione ideata e organizzata da Leave Music, giovedì 10 agosto al Teatro Greco di Tindari (ME).
Durante il concerto, Artù proporrà al pubblico i brani del suo ultimo disco Tutto Passa (Sony Music), come Roma d’estate, Zitti, fino all’ultimo singolo Viola, riarrangiati in chiave live. Un sound che resta comunque fedele alle atmosfere dei testi del disco, spaziando tra l’asprezza di un rock energico e graffiante e che riprende a tratti sonorità anni ’70 -’80, e ballad dalle venature romantiche.
Tutto Passa è il secondo album di Artù, al secolo Alessio Dari, e contiene dieci canzoni contraddistinte da un sound semplice e naturale che lascia da parte artifici e forzature, e da una poetica cruda e diretta, ma mai claustrofobica. Al contrario, a partire dalla scelta del titolo del disco, anche tutti i brani che lo compongono lasciano accesa una luce di speranza. Nei testi Artù affronta tematiche legate alle difficoltà esistenziali, dal malcontento sociale fino alle ipocrisie di una conformista in cui l’immagine vince sull’essenza. La malinconia celata nelle sue “filastrocche d’autore” apre però le porte alla speranza che il cambiamento sia possibile.
style="text-align: justify;"> Dopo i primi singoli Roma d’estate e Zitti, è online il videoclip dell’ultimo estratto Viola, con la regia Giacomo Triglia, che vede protagonisti i bambini della II sezione della scuola dell’infanzia Guglielmo Oberdan di Roma. È il mondo alla rovescia che viene descritto in questo brano apparentemente scanzonato. Ma la realtà dipende dai punti di vista… “Mi dicevano che da bambino mi facevo troppe domande. Mi dicevano che non sempre c’è una risposta – racconta Artù – Sono passati anni. La barba è cresciuta. Ancora non ho capito perché una rosa rossa la chiamano rosa. Ho chiesto ai bambini: mi hanno risposto che è un loro segreto”.

Finalista di Musicultura, Artù sembra un personaggio di un altro mondo, fuori dagli schemi, un cane sciolto, schietto e sincero ma mai banale. Non ha peli sulla lingua e urla con ironia tutta la sua rabbia verso un mondo che non gli piace ma che non riesce a non amare, cercando di dare sempre nei suoi brani una luce di speranza. Alla fine tutto passa. Nel corso degli anni Artù si è esibito in contesti sempre più prestigiosi, affiancando su grandi palchi artisti come Brunori Sas, Niccolò Fabi e Alessandro Mannarino. Con quest’ultimo è nato un legame artistico e di amicizia, che li ha condotti a comporre insieme il brano Giulia domani si sposa contenuto nel primo album di Artù. Nel 2014 il videoclip del brano, che vede per protagonista l’attrice Giulia Bevilacqua, vinse lo Special Awards al Premio Roma VideoClip.

 Per info e biglietti: www.indiegenofest.it. Il videoclip ufficiale è disponibile al http://vevo.ly/zSmIza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *