Messina, sequestrato un bar alla famiglia del boss Sparacio

MESSINA. Stamattina i ffinanzieri di Messina hanno eseguito un nuovo provvedimento di sequestro di un bar a carico della figlia del capomafia Salvatore Sparacio.
Recentemente coinvolto nell’operazione antimafia “Provinciale”, eseguita dai militari del Nucleo Pef di Messina, carabinieri e polizia di Stato – era stato sottoposto, lo scorso aprile, alla misura della custodia cautelare in carcere per associazione per delinquere di stampo mafioso, trasferimento fraudolento di valori e scambio elettorale politico-mafioso. A settembre, in una nuova ordinanza di misure cautelari emessa dal gip, su richiesta della procura,   è  stato contestato alla figlia del boss il reato di trasferimento fraudolento di valori in quanto, secondo ipotesi d’accusa, al fine di eludere le disposizioni in materia di misure patrimoniali previste dal Codice Antimafia, assunto la titolarità delle attività commerciali nel centralissimo corso Cavour, meta preferita della movida giovanile. Disposto dunque il sequestro preventivo di due attività commerciali, una quota pari al 25% di una srl, due fabbricati, un’auto, denaro contante pari a 15 mila euro. Gli specialisti del Gico hanno inoltre accertato, la disponibilita’ da parte del boss di un ulteriore esercizio commerciale.

 

L’attivita’ economica presenta un valore sproporzionato rispetto alle lecite fonti di reddito dichiarate dal nucleo familiare del boss. Il Tribunale del riesame ne ha disposto il sequestro preventivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *