Messina, morto l’anziano intossicato nell’incendio di Capodanno a Paradiso

MESSINA. Morto la scorsa l’anziano coinvolto nell’incendio di Capodanno divampato in una palazzina a Paradiso, villaggio nella zona nord della città. L’88enne era stato ricoverato all’ospedale Papardo in gravi condizioni insieme alla moglie. La del Tribunale di Messina ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo. I funerali si terranno domani alle 15 alla chiesa Sant’Elena. Il rogo era divampato la mattina dell’1 gennaio prima delle 8. Subito sul posto i Vigili del Fuoco del Distaccamento Messina incendiovia ConsolarePompea 44 SiciliansNord del Comando Provinciale di Messina. Vista la gravità della situazione, le squadre presenti sul posto hanno subito provveduto a tagliare le grate della

finestra dell’appartamento del piano terra nel quale era rimasto intrappolato un disabile, che sono riusciti a trarre in salvo.

Mentre i pompieri si prodigavano per spegnere le fiamme dentro la casa del piano terra, un’altra squadra è intervenuta per spegnere l’incendio di quella del terzo piano. Una volta raggiunto l’appartamento, hanno constatato che era solo invaso di fumo, che dal pianoterra era risucchiato dalla tromba delle scale perché i proprietari, l’anziano e la moglie, avevano aperto la porta di casa creando un effetto tiraggio, permettendo al fumo di invadere completamente la loro abitazione, tanto da non riuscire a respirare. I Vigili del Fuoco sono subito intervenuti facendo uscire immediatamente in balcone i due anziani, messi in salvo grazie al cestello dell’autoscala che ha permesso il trasporto dal balcone fino all’area esterna della palazzina dove sono stati affidati al personale medico, per poi essere trasportati con urgenza all’ospedale Papardo in codice rosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.