Incidente mortale sulla litoranea sud di Messina: 26enne perde la vita in uno scontro auto-moto

FB IMG 1688671353442

Messina. Poco dopo le 19, si è verificato un tragico incidente sulla litoranea sud di Messina, che ha causato la morte di un giovane centauro di 26 anni. Le circostanze esatte dell'incidente sono attualmente oggetto di indagine da parte della sezione infortunistica della polizia municipale.

Lo scontro si è verificato all'altezza dell'abitato di Giampilieri Marina, coinvolgendo una potente Ducati e una guidata da un anziano conducente. La moto, una Ducati di grossa cilindrata, era condotta dal giovane di 26 anni, mentre la Panda era guidata dall'anziano conducente.

Nello scontro, il motociclista è stato scaraventato dal mezzo e ha impattato violentemente con l'asfalto, finendo a circa 20 metri di distanza dalla sua moto. Il giovane è stato immediatamente soccorso e trasportato in gravi condizioni al Policlinico di Messina, ma nonostante gli sforzi del personale medico, ha purtroppo perso la vita alcune ore dopo il ricovero.

Attualmente, le autorità stanno indagando per determinare le cause esatte dell'incidente. Gli investigatori della sezione infortunistica della polizia municipale stanno raccogliendo prove e testimonianze al fine di comprendere le dinamiche che hanno portato a questa tragica fatalità.

La notizia dell'incidente ha scosso profondamente la comunità di Messina, lasciando una traccia di dolore e tristezza. I pensieri e le condoglianze vanno alla famiglia e agli amici della vittima, che devono affrontare una perdita così tragica e improvvisa.

Questo incidente tragico rappresenta un triste promemoria dell'importanza di adottare comportamenti responsabili sulla strada. L'attenzione alla sicurezza stradale e il rispetto delle regole del codice della strada sono fondamentali per prevenire incidenti che possono avere conseguenze irreparabili.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.