In manette due catanesi dopo tentata rapina ad anziana

Antonino Cucè

Arrestati ieri dai Carabinieri della Compagnia di Taormina due giovani catanesi che avevano rapinato a Giardini Naxos una anziana signora. In manette Antonino Cucè (24 anni, residente a Riposto in provincia di Catania, già noto alle Forze dell’Ordine) e un minorenne anche lui residente nelcentro etneo. I due sono accusati di concorso in tentata rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Proprio mentre si stava concludendo un incontro sulla legalità nel centro di formazione professionale San Pancrazio, alla presenza delle autorità locali, a poche centinaia di metri si consumava un grave reato.

Erano le 11.40 quando due giovani a bordo di un motorino hanno affiancato una donna sul lungomare di Giardini Naxos. Nel tentativo di strapparle la collana dal collo l’hanno strattonata facendola cadere a terra.

Non essendo riusciti a derubarla, quando l’anziana ha ha chiamato in aiuto i carabinieri i due rapinatori sono subito fuggiti.

Un testimone ha subito

chiamato la centrale operativa della Compagnia di Taormina, che ha subito attivato il piano anti-rapine predisposto per casi del genere.

Una pattuglia della pattuglia radiomobile in servizio nelle vie di Giardini Naxos ha incrociato i due soggetti e tentato di arrestarne la fuga, ma all’alt dei militari i rapinatori non si sono fermati, proseguendo verso l’autostrada.

Ai carabinieri si sono poi aggiunti dei militari in borghese che hanno continuato l’ raggiungendo i malviventi nella loro abitazione a Riposto.

Dopo l’arresto Cucè e il complice sono stati condotti negli uffici di Giardini Naxos. Espletate le formalità del caso, il minorenne è stato condotto in un centro di prima a Catania, mentre per Cucè si sono sperte le prte del carcere di piazza Lanza.

 ove si procedeva ai necessari approfondimenti investigativi che consentivano di ricostruire un quadro accusatorio ben definito, corroborato da testimonianze ed altri riscontri.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.