Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il PD ha scelto: la segreteria provinciale a Basilio Ridolfo

Basilio Ridolfo

“Uno sforzo di unità e responsabilità in previsione della grave crisi regionale e nazionale”. Il PD di Messina raccoglie l’invito del segretario regionale Pippo Lupo e dopo le lotte furibonde delle ultime settimane alla fine l’accordo è stato trovato e l’uomo che accontenta tutti è Basilio Ridolfo, il sindaco di Ficarra.

Una soluzione che scontenta tutti e non piace nessuno. Nessun dibattito, nessuna dialettica: un boccone da mandare giù e basta.

Questo il ragionamento degli scontenti, quelli che avrebbero preferito scontro e dialettica invece di un partito imbalsamato, che a dispetto delle buone intenzioni non riesce a recuperare il rapporto con il territorio.

Felice Calabrò ha fatto un passo indietro e sul sindaco di Ficarra, proveniente dai DS, ci sono state le convergenze parallele che fanno tanto anni Settanta, quando la sinsitra era ancora un soggetto ben definito.

Divisi gli uomini di Francantonio Genovese, tra chi ha accettato senza problemi Ridolfo e chi invece non ne voleva proprio sapere.

Nel documento che è in fase di elaborazione, si parla di forte assunzione di responsabilità da parte di tutti”, di riorganizzazione del partito e di rilancio dello stesso a Messina”. Di “gestione collegiale, aperta e partecipata” e soprattutto si avverte la necessità di una “riflessione dopo la sconfitta  elettorale (di giugno, ndr) e di introduzione di elementi di discontinuità”.

Sulla

carta quindi, una netto addio a Genovese e alla componente della Margherita che fu. Ma in gioco c’è ancora la segreteria cittadina e chi ho ha dovuto abbozzare promette battaglia.

Aggiornamento delle 21.56

Di seguito la breve nota inviata dopo la riunione che ha designato Basilio Ridolfo alla presidenza provinciale del PD, firmata da Filippo Panarello, Teodoro Lamonica, Luciana Intelisano, Pippo Laccoto e Luigi Beninati.

“Accogliendo il pressante invito del segretario regionale e attuale reggente del Partito Democratico di Messina Giuseppe Lupo ad uno sforzo di unità e responsabilità, in considerazione della  difficile situazione politica nazionale, regionale e locale e dei riflessi negativi sul nostro territorio e sul Partito Democratico della nostra Provincia, riteniamo necessaria una forte responsabilità da parte di tutti e sottolineiamo che l’impegno unitario di tutto il partito deve esplicitarsi, in particolare, sui seguenti punti:

1)     Rilancio del partito di Messina sulla base dei principi ispiratori del PD

2)     Riorganizzazione del partito attraverso strutture realmente rappresentative ed unitarie nella città capoluogo, nei comuni e nei luoghi di lavoro e di studio

3)     Gestione collegiale del PD a tutti i livelli, tutte le forze e le sensibilità presenti ed attive devono essere chiamate a costruire un Partito Democratico forte, aperto e partecipato.

Considerato infine l’esito negativo  delle ultime elezioni amministrative nella città di Messina, riteniamo necessaria una riflessione approfondita sulle  ragioni di questo risultato, con l’obiettivo che il  PD  ridefinisca il suo profilo attraverso un nuovo progetto politico ed organizzativo introducendo i necessari elementi di discontinuità”.