Fridays for Future, a Palermo lo sciopero globale per il clima

PALERMO. Il movimento globale Fridays For Future torna nelle piazze di tutto il mondo per chiedere giustizia climatica e intersezionale. Gli studenti palermitani, insieme a rappresentanti di tanti movimenti e tante associazioni cittadine, si incontreranno venerdì 24 settembre alle 9 a piazza Verdi per una manifestazione statica, nel rispetto delle norme per il Covid-19, con interventi e flash mob. Sono passati 3 anni da quando Greta Thunberg iniziava a Stoccolma il suo Climate Strike. Da quelle proteste solitarie è nato un movimento di portata mondiale, che ha unito giovani e meno giovani in oceaniche proteste, sempre di venerdì e sempre per chiedere alla politica risposte concrete per salvare il futuro del pianeta. “La pandemia ha messo a dura prova le mobilitazioni -puntualizzano i portavoce della manifestazione- ma, come ricordato dagli appelli del movimento, questo è un momento storico epocale e l’attivismo rimane il più grande strumento che abbiamo per cambiare la storia: per questo si torna in piazza! Lo slogan della nostra protesta in tutto il mondo sarà Uproot the system, sradica il sistema. Il movimento riconosce infatti che la crisi che stiamo vivendo non è una crisi isolata. Tensioni socio-economiche come il razzismo, il sessismo, l’abilismo, le disparità sociali ed economiche, il colonialismo, sono tutti fenomeni che amplificano gli impatti della crisi climatica e

che, viceversa, saranno amplificati da essa. Per questo la nostra è una battaglia per la giustizia climatica e intersezionale”. Il 2021 è un anno cruciale: è stato costellato da drammatici fenomeni meteorologici estremi e dopo la pubblicazione del report dell’IPCC, il panel dell’ONU sui cambiamenti climatici, il segretario Guterres è stato categorico: siamo arrivati ad un “codice rosso” per l’umanità. Questo è anche l’anno in cui i Governi internazionali saranno chiamati a proporre e concordare misure efficaci per affrontare la crisi. A novembre, infatti, si terrà la Cop 26, la conferenza mondiale sui cambiamenti climatici, a cui ogni Stato dovrà portare i propri impegni per la riduzione delle emissioni e per la risoluzione della crisi climatica. Al momento secondo la comunità scientifica internazionale le politiche di tutti gli stati del mondo sono assolutamente insufficienti. Gli ordinamenti nazionali e internazionali rinviano il cambio di rotta e portano avanti scelte politiche inadeguate che reiterano lo status quo, impoverendo e distruggendo la vita della stragrande maggioranza della popolazione. Invitiamo tutti a unirsi alla protesta e a non perdersi questo momento storico. Saremo ricordati come coloro che, di fronte a un’enorme crisi globale, si rimboccano le maniche per risolverla?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *