Droga agli imbarcaderi di Messina, tre persone arrestate dalla Guardia di Finanza

Messina GuardiadiFinanza SiciliansMESSINA. I finanzieri del Comando Provinciale di Messina, in due distinte operazioni eseguite con l’ausilio delle unità cinofile, hanno sequestrato oltre 1.500 grammi di cocaina in dagli imbarchi di Messina e tratto in arresto 3 soggetti ritenuti responsabili dell’illecito traffico di narcotico.

Nella prima operazione, grazie al fiuto del cane antidroga Dandy, altamente specializzato in operazioni della specie, durante il controllo di una autovettura appena sbarcata dalla costa calabra, le Fiamme Gialle del Gruppo di Messina hanno rinvenuto un panetto contenente mezzo chilo di cocaina, trasportato all’interno della borsa di una giovane donna che accompagnava il marito, alla del veicolo. Sulla base delle risultanze investigative, entrambi gli indagati sono stati tratti in arresto, in flagranza di reato, per traffico di sostanze stupefacenti.
L’uomo è stato sottoposto a custodia cautelare in carcere, mentre

la donna è stata posta agli arresti domiciliari. Alla Rada S. Francesco, qualche giorno dopo, sempre i finanzieri del Gruppo peloritano hanno fermato un’altra donna, alla della sua auto, e su segnalazione delle unità cinofile Ghimly e Dia, due giovani pastori tedeschi, rinvenivano un panetto da oltre un chilo di cocaina, occultato nel vano motore dell’autovettura.
Le successive attività di perquisizione presso l’abitazione dell’indagata, domiciliata nella fascia tirrenica della provincia, consentivano di rinvenire ulteriori 40 grammi di sostanza stupefacente e 4.300 euro in contanti, sottoposti a sequestro perché ritenuti provento dell’attività illecita. Anche in questo caso, salvo diverse valutazioni giudiziarie nei successivi gradi di giudizio e fermo restando il generale principio di non colpevolezza sino a sentenza passata in giudicato, la donna è stata tratta in arresto ed associata alla locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il complessivo quantitativo di droga sottoposto a sequestro, opportunamente miscelato con altre sostanze da taglio, avrebbe potuto fruttare, sulle piazze di spaccio della provincia, oltre 250 mila euro.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.