Cronaca. Importazione di droga dal Sud America alla Sicilia, arrestato latitante a Lisbona

CATANIA. Venerdì scorso i finanzieri del Comando Provinciale della città etnea, in stretta sinergia con il II Reaprto del Comando Generale della Guardia di Finanza e il Ministero dell’Interno – Direzione Centrale Servizi Antidroga (DCSA) e personale della Direzione Centrale Polizia Criminale (DCPC), Divisione Sirene – hanno attivato la polizia portoghese per la cattura all’aeroporto di Lisbona del latitante Cleudy Eliseo Peguero Cruz, coinvolto nell’operazione antidroga Narcos eseguita nel marzo del 2017 dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catania. L’operazione Narcos, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania, ha consentito di sgominare un agguerrito sodalizio criminoso dedito all’organizzazione di consistenti importazioni di cocaina sulla rotta Sud America – Sicilia. Nei confronti dei quattro principali responsabili, tra i quali vi era anche Peguero Cruz, che si trovava all’estero, era stato emesso dalla Procura Distrettuale etnea un provvedimento di fermo di indiziato di delitto d’urgenza, eseguito nei confronti dei tre

italiani coinvolti contestualmente al sequestro, all’interno di un container sbarcato nel porto di Salerno, di un carico di oltre 110 kg di cocaina scoperto dai Finanzieri di Catania.

Nella mattinata di venerdì 9 febbraio, i Finanzieri del GICO, Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catania, grazie al costante scambio infoinvestigativo realizzato tra il Comando Generale della Guardia di Finanza e i collaterali Organi esteri statunitensi, sono venuti a conoscenza dell’imminente arrivo nello scalo portoghese del latitante, nato in Spagna, che viaggiava con passaporto dominicano. Attivate tempestivamente le procedure di rintraccio, con la preziosa collaborazione del personale DCSA, allertato congiuntamente al dispositivo Interpol della DCPC, la polizia portoghese è riuscita a catturare il latitante che stava tentando di far rientro in Europa con un volo proveniente dagli Stati Uniti. Si è ora in attesa del sopraggiungere del provvedimento di estradizione in ragione del mandato di cattura europeo e internazionale disposto dal Tribunale di Palermo, magistratura attualmente competente sul procedimento penale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *