Coronavirus Sicilia, arrivano dalla Cina altre 36.000 tonnellate di materiale sanitario della Regione

SICILIA.  È atterrato nella tarda serata di ieri all’aeroporto e Borsellino di Palermo il Boeing 777 della Ethiopian airlines proveniente dalla Cina con a bordo oltre 36 tonnellate di merce. Imballati in 4.800 colli vi erano 100 monitor, 41 ventilatori polmonari, 100.000 tamponi, circa 400.000 visiere protettive, 260.000 copricapo e 250.000 calzari. Si tratta del terzo volo cargo con tecnologie e materiale sanitario acquistati dalla Regione siciliana nell’ambito della collaborazione avviata con l’University of medical center di Pittsburgh (UPCM): tecnologie fondamentali per attrezzare nuove Terapie intensive negli ospedali siciliani. I materiali sono stati presi in carico dalla Protezione civile regionale. Era presente il responsabile Calogero Foti che provvederà a smistarli alle strutture sanitarie della Sicilia. “Quello atterrato oggi – sottolinea l’assessore alla Salute Ruggero Razza – è uno dei carichi più preziosi perché consente di incrementare la dotazione tecnologica

dedicata alle terapie intensive permettendoci di stare al passo con il Piano straordinario che il Governo ha messo a punto per fronteggiare l’emergenza coronavirus, garantendo sempre un posto letto a quanti possano averne bisogno”. Come è noto la Regione siciliana si è organizzata da subito, anche con propri approvvigionamenti grazie alla collaborazione con UPCM, per assicurarsi un rifornimento costante di dispositivi di protezione individuale e di tecnologie da destinare al personale sanitario impegnato nella emergenza COVID-19. Regione Siciliana e UPCM gestiscono insieme il Centro d’eccellenza ISMETT di Palermo.