#Catania. Arrestato il latitante Nucciu ‘u carcagnusu, reggente del Clan Mazzei

La sua latitanza si è conclusa stamattina, mentre si trovava in una villa dotata di tutti i comfort a Ragalna sulle pendici dell’Etna. Ad arrestarlo gli agenti della Squadra Mobile di Catania e dal Servizio Centrale Operativo, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania.

Sebastiano Mazzei, più noto come Nucciu ‘u carcagnusu, irreperibile dall’aprile del 2014, è destinatario di due distinte ordinanze di custodia cautelare per associazione per delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni e illecito di sostanze stupefacenti.

Mazzei è stato rintracciato all’interno di una villa a Ragalna in vico delle Rose , dove si trovava in compagnia della moglie e

del cane. Aveva con se alcuni telefoni e, nella camera da letto, teneva sotto il materasso, a portata di mano, un’accetta.

Al momento dell’irruzione non ha opposto alcuna resistenza. Nell’operazione che ha portato alla cattura sono stati impiegati 50 uomini che, prima di fare irruzione, hanno circondato la villa per impedirne ogni possibile fuga.

Mazzei, reggente dell’omonima organizzazione mafiosa, è figlio del noto boss Santo.

Grazie alle alleanze con le famiglie palermitane, la cosca Mazzei, detta dei Carcagnusi, si è affermata nel catanese e in provincia, con attività criminali che spaziano dal di droga alle estorsioni.


Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.