Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Le pagelle di Messina-Catania: difesa sempre al top, Baccolo il migliore

1 Squadra derbyPareggio senza reti tra Messina e Catania nel derby giocato ieri pomeriggio allo stadio San Filippo dopo quasi nove anni. Le due squadre hanno dato vita ad una partita tattica e con poche emozioni in campo, forse nella paura di non prenderle per entrambe. Nel Messina degna di nota la prestazione della difesa, ancora senza gol subiti, e di Baccolo, sicuramente il migliore in campo e autore della più bella prestazione stagionale.

PAGELLE MESSINA

Berardi, 6.5 – Non soffre particolarmente durante la partita. Si fa sempre trovare pronto anche negli interventi più “semplici”, un po’ come a Melfi. Rischia qualcosa nella ripresa ma gli attaccanti avversari non sfruttano le occasioni. Mezzo voto in più per aver stretto i denti, visto che non doveva giocare.

Palumbo, 6.5 – Sulla destra ormai si trova a meraviglia: tenta sortite offensive e riesce a coprire bene gli attacchi avversari. Nel primo tempo soffre un po’, ma niente di eclatante.

Martinelli e Parisi, 7 – Coperture difensive di altre categorie, cambi di gioco di prima intenzione e sempre precisi, sortite offensive di personalità. La coppia difensiva del Messina è una delle migliori tra tutti i gironi, potrebbero tranquillamente essere titolari in Serie B in squadre che lottano per la promozione.

De Vito, 6 – Calderini sulla destra è un pericolo costante, certe volte se lo perde, ma nel complesso compie anche lui la sua onesta partita.

Baccolo, 7.5 – Non poteva scegliere giorno migliore per disputare una partita del genere: Il 90% degli attacchi fermati del Catania sono opera sua. Tanto sacrificio, denti stretti fino alla sostituzione con Zanini (voto 5.5 – Non entra in partita e sbaglia alcuni controlli decisivi non da lui), di fatti dopo la sua uscita dal campo il Catania ha due buone occasioni per andare in vantaggio. Si becca gli elogi di Di Napoli a fine partita e se li merita tutti.

Giorgione, 6.5

La chiave della partita è nel centrocampo di entrambe la squadre: si è giocato soprattutto in quella zona e lui, come sempre, non manca l’appuntamento. Indispensabile.

Fornito, 6.5 – Forse un po’ troppo macchinoso in determinate occasioni, però anche per lui partita di sostanza. Non cerca di strafare e prende sempre la decisione giusta.

Barraco, 5.5 – Non certamente la sua miglior partita: poco incisivo, un po’ come tutto il reparto, e poco lucido in determinate occasioni. Reparto in emergenza, ci può stare una giornata così.

Cocuzza, 6 – E’ l’unico ad impensierire seriamente Bastianoni: ha l’occasione per il vantaggio in due momenti del primo tempo, ma non riesce a trovare il gol. Tanto sacrificio ancora una volta in un ruolo a lui non congeniale. Partita dopo partita dimostra sempre quanto è importante avere determinazione a questi livelli.

Padulano, 5.5 – Manca il ritmo partita e si vede. Non ha lo spunto necessario e che è nelle sue corde quando è in forma. Bello rivederlo in campo dal primo minuto. I tifosi lo aspettano con ansia. Viene sostituito a metà ripresa da Salvemini (5.5 – Non riesce a dare quel qualcosa in più che serviva all’attacco peloritano).

CATANIA

Scarsella, 6 – E’ un giocatore di valore, ma la difesa del Messina è stata brava a neutralizzare i suoi inserimenti. Certe volte si fa trovare al posto giusto, ma non è ben servito dai compagni.

Calil, 6 – Prova il gol del secolo con un colpo di tacco al volo di poco fuori. Non entra molto in partita, ed i difensori del Messina sono bravi ad arginarlo. Certamente il ruolo di esterno gli è meno congeniale rispetto a quello di punta centrale.

Calderini, 6.5 – E’ il più pericoloso del reparto offensivo. Gli è mancato solo il gol, la mira questa volta non era delle migliori.

Plasmati. 5.5 – Entra al posto di Russotto nel primo tempo e probabilmente lo fa rimpiangere. La sua forma non è delle migliori, e infatti viene sostituito da Pancaro nel finale di gara. Le sue qualità comunque sono indiscutibili.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.