Barcellona, tenevano droga in casa. Arrestati tre soggetti dello stesso nucleo familiare

Operazione antidroga ieri nella tarda mattinata a Barcellona Pozzo di Gotto condotta dai carabinieri della compagnia di Barcellona Pozzo. È stato il fiuto  dei cani antidroga King e Riley, unità cinofile dell’Arma dei Carabinieri a permettere ai militari della sezione radiomobile guidati dal Luogotenente Carmelo Mucella, di fare emergere della droga nascosta nel giardino di casa tre persone. Si tratta di un 20enne, un 40enne e una 35enne, tutti residenti nella città del Longano, arrestati in flagranza di reato per detenzione di droga ai fini di spaccio in concorso.
I Carabinieri della Sezione Radiomobile, giunti sul posto con diverse unità, insospettiti dal via vai di gente dall’abitazione, hanno effettuato una mirata  perquisizione domiciliare, prima all’ della casa, dove, in un involucro di plastica, sono stati trovati 300 gr di marijuana, una pianta di cannibis, 2 grammi di cocaina ed una serra in telo termico per la coltivazione indoor dello stupefacente.

I militari hanno esteso la perquisizione anche in altri vani dello stabile. Qui sono stati trovati un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e ben 10.000 euro in contanti. La perquisizione, grazie al fiuto dei cani King e Riley, è stata effettuata pure nel giardino di pertinenza dell’abitazione.  Mediante un piccolo escavatore di una ditta privata, infatti, i militari dell’arma hanno trovato altri 150 grammi di marijuna, sotterrati all’interno di un contenitore di plastica. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato e la droga inviata al RIS di Messina per le analisi di laboratorio.

inbound873155947322421487
dav

Il 20enne è stato trasferito al carcere Madia, il 40enne è stato tradotto in quello di Messina-Gazzi, mentre la 35enne è stata posta agli arresti domiciliari, così come disposto dal magistrato di turno presso la Procura della Città del Longano.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.