Barcellona PG – La Polstrada sequestra circa 300 kg di alimenti surgelati al casello autostradale. Due persone denunciate

Screenshot 20221111 182626 FacebookNelle ultime ore gli Agenti del Distaccamento della Polizia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno proceduto al sequestro di circa 300 Kg di alimenti surgelati, ritenuti non idonei al consumo.

Una pattuglia della Polizia in servizio presso il casello autostradale di Barcellona Pozzo di Gotto, nel corso del controllo di un mezzo di una società di distribuzione all’ingrosso di alimenti, ha accertato che la merce, trasportata con un veicolo che avrebbe dovuto garantire una temperatura controllata, fosse conservata in modo idoneo, atteso che i Poliziotti avevano dei sospetti circa il corretto mantenimento delle caratteristiche prescritte.

Per tale motivo veniva richiesto l’intervento

di personale del Servizio Veterinario dell’A.S.P. di Barcellona P.G., il quale accertava il cattivo stato di conservazione e trasporto della merce.

Infatti, i mezzi che trasportano surgelati dovrebbero mantenere, nel cosiddetto vano frigo, una temperatura di – 18° con la possibilità di una oscillazione di 3°, mentre, nel caso di specie, la temperatura accertata dagli Agenti e dal personale dell’A.S.P. era di + 5°, motivo per il quale la merce risultava alterata e non più idonea al consumo.

Al momento del controllo, il conducente del mezzo trasportava numerosi prodotti alimentari surgelati (prodotti della pesca, pollame e carne di vario genere) che avrebbero dovuto essere poi immessi in commercio nell’hinterland barcellonese.

Pertanto, al termine dell’intervento, considerato il cattivo stato di conservazione e di trasporto, gli alimenti sono stati posti sotto sequestro, mentre il conducente del mezzo ed il titolare della ditta di distribuzione sono stati denunciati.


Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.